Microsoft presenta Windows 10 Pro for Workstations

Supporta fino a 4 Cpu con 6 Tbyte di Ram e adotta il robusto Resilient File System.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-08-2017]

win10workstaion

Le versioni esistenti di Windows 10 sono, in un certo senso, limitate: supportano al massimo la presenza di 2 Cpu e soltanto fino a 2 Tbyte di Ram.

Per un utente domestico, ce n'è d'avanzo. Ma quando si entra nel mondo delle workstation e di utenti che hanno bisogno di un'elevata potenza di calcolo, tutto ciò è insufficiente.

Per venire incontro a queste esigenze Microsoft ha ora presentato Windows 10 Pro for Workstations, nuova incarnazione del sistema operativo "definitivo", in grado di supportare fino a 4 Cpu (compresi gli Xeon di Intel e gli Opteron di Amd) e 6 Tbyte di Ram.

Naturalmente le particolarità di questa versione non si limitano al supporto dell'hardware, ma riguardano alcune caratteristiche esclusive.

La prima è l'utilizzo del filesystem ReFS (Resilient File System), in grado di gestire grandi volumi (fino a 4,7 Zettabyte) e più robusto di Ntfs, per evitare che i dati vadano persi anche in caso di guasti e malfunzionamenti.

Sondaggio
Il fondatore di Microsoft ha chiesto all'UE di rendere pi¨ difficili gli ingressi in Europa ai migranti africani che cercano di raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio. Sei d'accordo?
Sý.
No.

Mostra i risultati (1951 voti)
Leggi i commenti (30)

«ReFS è progettato per essere resistente alla corruzione dei dati, ottimizzato per gestire grandi volumi di dati, per autocorreggersi e altro ancora» spiega Microsoft.

Windows 10 Pro for Workstations dispone anche del supporto alla memoria Nvdimm-N, un tipo di memoria ad accesso casuale non volatile, ossia che mantiene il proprio contenuto anche quando manca la corrente, a differenza della tradizionale Ram.

Non manca una tecnologia per velocizzare la condivisione dei file in rete: si tratta di Smb Direct che, a fronte di un minor utilizzo del processore, garantisce una velocità di trasferimento dei dati più elevata.

windows 10 pro for workstation

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{Paolo Del Bene}
@ALL: microsoft's software is malaware link[/url] Is microsoft the great Satan? [url=http://forum.zeusnews.com/link/456564]link[/url] Microsoft new Monopoly [url=http://forum.zeusnews.com/link/456565]link[/url] Microsoft's new Monopoly [url=http://forum.zeusnews.com/link/456566]link[/url] The Microsoft Antitrust Trial and Free... Leggi tutto
17-8-2017 01:35

{Paolo Del Bene}
@Fra.it si documenti su quanto scrivo qui su zeusnews, moltissima documentazione Ŕ disponibile sul web site link[/url], su [url=http://forum.zeusnews.com/link/456492]link[/url] ed [url=http://forum.zeusnews.com/link/456497]link Saluti
16-8-2017 20:14

{Paolo Del Bene}
ChissÓ quale peccato si commette a dover usare OpenGL link
14-8-2017 18:43

{Paolo Del Bene}
Tornando a parlare di sistemi operativi, se non hai modo di compilarli per più architetture, essi funzioneranno solo su: Intel/Amd. Dunque microsoft non è poi così intelligente. Non mi risulta che Servers e Workstation lavorino con windows, tantopiù con architettura CISC. link[/url] ... Leggi tutto
14-8-2017 18:35

{gastone paperone}
E' carina l'introduzione che avete fatto : sembra quasi che siate voi a vendere windows. "Per un utente domestico, ce n'è d'avanzo. Ma quando si entra nel mondo delle workstation e di utenti che hanno bisogno di un'elevata potenza di calcolo, tutto ciò è insufficiente." Certo,... Leggi tutto
14-8-2017 12:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontÓ" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiositÓ di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverÓ a credere e con che velocitÓ si propagherÓ
Dalla volontÓ di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2311 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 ottobre


web metrics