Il malware che si diffonde con PowerPoint

E gli antivirus non riescono a rilevarli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-08-2017]

powerpoint malware

Diffidate delle presentazioni create con PowerPoint che arrivano via email: potrebbero infettarvi il Pc.

La segnalazione del pericolo arriva da Trend Micro: i suoi ricercatori hanno scoperto che sfruttando una falla nella tecnologia Ole (Object Linking and Embedding) di Windows è possibile distribuire malware in un modo tale da evitare il rilevamento da parte dei programmi antivirus e antimalware.

La falla, indicata dal numero CVE-2017-0199, veniva già sfruttata per diffondere malware nascosti nei file .rtf. La maggior parte dei metodi di rilevamento si concentra proprio su questa modalità, e la diffusione tramite file .Ppsx riesce sovente a passare inosservata.

Tutto inizia con la classica email di phishing. Al momento sono prese di mira per lo più le aziende, e così l'email ha l'aspetto della comunicazione di un fornitore, che ha in allegato una presentazione.

Quando il file viene aperto, sfruttando la funzione di animazione di PowerPoint Show viene automaticamente eseguito il codice inserito dal creatore del malware.

Sondaggio
Qual tra questi il motivo pi importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1154 voti)
Leggi i commenti (3)

Nella dimostrazione preparata dai ricercatori di Trend Micro, l'apertura della presentazione causa lo scaricamento di un file .doc contenente del codice JavaScript e Xml e l'esecuzione della PowerShell, tramite la quale viene avviato uno strumento di accesso remoto (una versione rimaneggiata di Remcos).

Così chi ha inviato l'email può catturare le schermate sul Pc della vittima, memorizzare ogni tasto premuto e anche ottenere registrazioni audio e video dalla webcam e dal microfono, oltre a poter scaricare ed eseguire altro malware.

Fortunatamente, la falla che permette tutto ciò è già stata corretta da Microsoft lo scorso aprile, anche se la diffusione dell'infezione dimostra come non tutti abbiano già applicato la patch.

È sempre valida inoltre la raccomandazione di non aprire allegati provenienti da mittenti sconosciuti o non verificati.

ppsx malware

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla nella schermata Impostazioni di Windows 10, ma la patch non arriverà mai

Commenti all'articolo (1)

Le raccomandazioni pi ovvie e pi efficaci sono sempre le stesse - applicare le patch e non aprire allegati delle mail se non si certi di doverli ricevere - ma evidentemente la raccomandazione pi importante, che anche prerequisito indispensabile per applicare le altre due, ovvero accendere sempre il cervello prima di mettersi di... Leggi tutto
18-8-2017 15:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (946 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics