Cina, nove mesi di galera per aver venduto una VPN

Aggirare il Great Firewall cinese può costare la libertà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2017]

greatfirewall

Come ormai tutti sanno, l'accesso a Internet dalla Cina è regolato da una Grande Muraglia digitale, il cosiddetto Great Firewall.

Non si tratta di una misura censoria puramente decorativa, come i blocchi a certi siti periodicamente imposti dalle nostre autorità: chi tenta di aggirarlo va incontro a conseguenze molto serie.

Tali conseguenze sono state esplicitamente rese più severe sin dallo scorso gennaio, quando il ministro cinese per l'industria e l'informatica ha deciso di imporre un giro di vite a quello che, secondo lui, era uno sviluppo fin troppo «disordinato» dei servizi offerti dalla Rete.

Per raggiungere lo scopo, il ministero ha indetto una campagna contro le VPN, sistemi usatissimi proprio per aggirare il Great Firewall.

Le conseguenze non si sono fatte attendere: Apple ha eliminato ogni VPN dal proprio app store e, a quanto si dice, il governo cinese ha discretamente imposto agli Isp di bloccare ogni uso di reti private virtuali.

Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2020 voti)
Leggi i commenti (16)

In questi mesi la morsa contro le Vpn è andata stringendosi, e ora abbiamo la prima vittima delle nuove norme: Deng Jiewei, un ventiseienne che gestiva un piccolo sito web attraverso il quale vendeva software per realizzare Vpn, è stato messo in prigione.

Jiewei era già stato arrestato a ottobre 2016, con l'accusa di «offrire strumenti per il controllo illegale di sistemi di computer» e di aver pertanto violato l'articolo 285 del codice penale cinese.

Ora è arrivata la condanna definitiva, motivata dal fatto che il sito offriva strumenti «che permettevano di visitare siti stranieri che non sarebbero stati accessibili attraverso gli IP nazionali».

L'uomo si trova quindi ora a dover affrontare nove mesi di carcere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Cina ha bloccato Gmail
Una VPN per superare i firewall cinesi

Commenti all'articolo (2)

... e che prospererà ancora a lungo, anzi che molto presto ci soppianterà e cancellerà in breve il nostro modo di vivere sostituendolo con il suo modello... :incupito:
21-9-2017 19:19

{halifax}
La cosa triste è che il mondo degli affari, per una questione di puro ritorno economico per quei pochissimi che ce l'hanno (e che parallelamente hanno impoverito la loro nazione), ha ingrassato una dittatura tutt'altro che illuminata e che va avanti da millenni.
7-9-2017 12:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (855 voti)
Aprile 2019
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Tutti gli Arretrati


web metrics