Milioni di Mac hanno un firmware vulnerabile

Gli utenti credono di aver installato le patch, ma non è così.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-10-2017]

apple efi falla

Tutti sanno che, per tenere al sicuro il proprio computer, è bene installare celermente ogni aggiornamento di sicurezza.

Dal 2015 Apple ha avuto una buona idea: rilasciare tramite il normale gestore degli aggiornamenti di macOS anche gli eventuali update per l'EFI, ossia il firmware dei Mac.

Alcuni ricercatori hanno però scoperto che non sempre gli aggiornamenti dell'EFI vengono installati: il risultato è che ci sono utenti che credono di aver installato tutte le patch e invece si ritrovano ancora il computer infestato da vulnerabilità critiche che avrebbero dovuto scomparire.

Lo staff di Duo ha analizzato le versioni di EFI installate su oltre 73.000 Mac usate in diverse aziende e organizzazioni grandi e piccole.

Ha così scoperto che anche quando la patch per certe versioni del firmware il processo di installazione degli aggiornamenti non sempre riesce a installarla. Peggio ancora: non informa l'utente dell'insuccesso.

L'indagine ha rivelato che ci sono almeno 16 modelli di Mac che negli ultimi tre anni non hanno mai ricevuto alcun aggiornamento dell'EFI, sebbene la versione installata contenesse delle vulnerabilità che in altri modelli sono state risolte da un update del firmware.

Altri 47 modelli hanno mancato l'aggiornamento del 2014 che risolveva la falla nota come Thunderstrike e 31 Mac sono tuttora privi della patch che risolve Thunderstrike 2.

Portando queste cifre su scala mondiale, si ottiene un panorama in cui milioni di Mac sono potenzialmente vulnerabili a diversi tipi di attacco.

Sondaggio
Quali di questi dati ti spiacerebbe perdere di più?
Dati finanziari e di pagamento
Documenti relativi al lavoro
Email personali
Email di lavoro
Messaggi personali (SMS, Whatsapp ecc.)
Foto dei miei bambini
Foto dei viaggi
Foto private o particolari o sensibili di me stesso
Foto private o particolari o sensibili del mio partner
Altre foto (non sensibili)
Note e documenti personali
Password
Rubrica degli indirizzi o dei contatti telefonici
Scansioni di passaporti, patenti, assicurazioni e altri documenti personali

Mostra i risultati (779 voti)
Leggi i commenti (30)

Dato che non è semplice per gli utenti capire se i loro computer rientrano tra quelli affetti dal problema (né eventualmente reinstallare le correzioni mancanti), ora spetta a Apple risolvere il problema, che pare risiedere nel sistema di aggiornamento dell'EFI anche se la vera causa del fenomeno non è chiara.

MacOS High Sierra, da poco rilasciato, contiene un primo passo in questa direzione: dispone infatti del software eficheck, che ogni settimana verifica il contenuto dell'EFI con una lista gestita da Apple. Se viene notata una discrepanza, viene generato un rapporto.

Purtroppo, eficheck non informa gli utenti dell'eventuale presenza di un EFI troppo vecchio: si limita a rilevare se il firmware sia stato compromesso da un attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla in macOS High Sierra, password a rischio
''Ma non esistono virus per Mac'': il caso FruitFly
Apple, aggiornamenti di sicurezza essenziali (uno anche per Android)
MacOS System 6 e 7 rivivono nel browser
Apple cambia nome a OS X

Commenti all'articolo (1)

{ginevra}
Il discorso è di una semplicità elementare per degli psicopatici: bilancio fra costi e ricavi. Punto. Evidentemente i ricavi sono superiori ai costi, e vista la liquidità, sono immensamente superiori ai costi, malgrado tasse (non sempre pagate), cause legali, spese di marketing, ecc...
5-10-2017 20:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1277 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics