Monaco ha iniziato il ritorno a Windows, ma in segreto

La transizione a Microsoft Exchange è già iniziata, ma senza l'avallo del Consiglio Comunale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2017]

monaco abbandona linux

Nonostante le preoccupazioni dei Verdi, che dopo l'epidemia di WannaCry avevano messo in guardia la città di Monaco dall'abbandonare Linux, la capitale bavarese ha iniziato l'annunciata transizione a Windows abbandonando le soluzioni open source.

Il ritorno ai sistemi Microsoft, fortemente voluto dal sindaco ma privo di motivazioni tecniche, sarebbe iniziata con la sostituzione del server di posta e soluzione groupware Kolab con il suo equivalente closed source Exchange.

L'uso del condizionale è necessario poiché, stando a quanto riporta il direttore del reparto IT di Monaco, le informazioni circa i sistemi informatici dall'amministrazione cittadina non possono essere divulgate per ragioni di sicurezza.

L'adozione di Microsoft Exchange in luogo di Kolab è stata però individuata dal sito tedesco Heise, che ha indagato su quello che inizialmente era soltanto il «nuovo software di posta elettronica» adottato dalla città, scoprendone la natura.

Il fatto che la transizione non stia avvenendo alla luce del sole è un po' sospetto: Matthias Kirschner, presidente della Free Software Foundation Europe, afferma che l'ultimo atto ufficiale in merito alla questione è stato la decisione di stimare il costo del ritorno a Windows.

Sondaggio
Quale tra questi due candidati assumeresti?
Il primo ha più esperienza e competenze specifiche.
Il secondo è particolarmente brillante e ha un grande potenziale.

Mostra i risultati (592 voti)
Leggi i commenti (2)

Ciò è avvenuto in febbraio e, da allora, nessuna decisione operativa è stata presa ufficialmente. Tuttavia, Exchange sarebbe già al lavoro.

Per Kirschner, tutto ciò significa disconoscere l'autorità del Consiglio Comunale, e non fa altro che «portare acqua ai mulini di chi osteggia l'open source».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Lasciare Linux dopo WannaCry? Troppo rischioso
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Monaco molla Linux e torna a Windows

Commenti all'articolo (2)

Allora sembra proprio ci sia del marcio in questa decisione... :roll:
12-10-2017 19:10

{utente anonimo}
All'insaputa anche del padre superiore...?
9-10-2017 02:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3178 voti)
Dicembre 2017
HP, un altro keylogger nei portatili
Falla critica in Windows, Microsoft rilascia una patch di emergenza
Windows 7, bug impedisce aggiornamenti: come ecco risolverlo
UE, giro di vite sui Bitcoin: la fine dell'anonimato è vicina
Come rubare un'auto senza usare la chiave
Il sito che vi ruba risorse per i Bitcoin, anche a browser chiuso
Novembre 2017
Una legge inutile e dannosa contro le fake news
Session replay, così i siti ci spiano
Falle nelle Cpu Intel, milioni di Pc a rischio
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Tutti gli Arretrati


web metrics