Cortana ficca il naso nelle chat via Skype

Anche sotto Android e iOS.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2017]

cortana skype

Un bravo assistente personale, per potersi dimostrare davvero utile, deve conoscere ogni dettaglio della vita del proprio cliente.

Cortana vuole essere un bravo assistente e, dato che ne avete un bisogno assoluto (perché l'ha deciso Microsoft), ora Cortana metterà il naso anche nelle chat via Skype sotto Android e iOS.

L'idea è che, analizzando ogni conversazione scritta, l'Intelligenza Artificiale di Cortana finisca con il migliorare la propria conoscenza dell'utente e diventi di conseguenza in grado di fornire informazioni, suggerimenti e idee sempre più pertinenti, presentandole all'interno della finestra di chat stessa.

«Cortana» - scrive Skype presentando la novità - «può anche aiutarvi ad organizzare la giornata, senza obbligarvi a lasciare la conversazione. Cortana è capace di riconoscere le volte in cui si parla di organizzare qualche evento o delle cose da fare, e raccomanderà l'impostazione di un promemoria, che si potrà ricevere su ogni dispositivo sul quale Cortana è abilitata».

L'intento è certamente benevolo, ma il risultato è comunque la visione di un altro pezzetto di privacy che se ne va a causa dell'intromissione di Cortana in tutte le conversazioni, sia quelle con gli amici, sia quelle di lavoro, sia quelle che si vorrebbe restassero private.

Sondaggio
Puoi scegliere una sola pillola: quale delle tre?
Pillola blu: rimani giovane per sempre
Pillola verde: 1.000.000.000 euro in contanti
Pillola rossa: puoi viaggiare nel tempo in qualsiasi istante

Mostra i risultati (725 voti)
Leggi i commenti (18)

È pur vero che, per chi già usa Skype, l'invasione della propria riservatezza non peggiora poi molto: le chat testuali non godono della crittografia end-to-end, e Microsoft già vi può accedere in chiaro.

Per chi ancora non usa Skype, invece, la domanda è un po' più seria: val la pena di mettersi sotto l'occhio - magari bendisposto, ma sicuramente attento - di Cortana solo per qualche piccola comodità in più?

In ogni caso, inizialmente il supporto di Skype a Cortana sarà limitato agli utenti americani, i quali possono comunque decidere di non attivarlo. Il resto del mondo ha tempo di riflettere sulla questione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'attacco silenzioso che colpisce gli assistenti vocali
Il riconoscimento vocale completamente open source
Microsoft porta Cortana sugli elettrodomestici
Ricerche fatte a voce? Google le ha registrate
Comandi vocali guidando l'auto? 27 secondi di sicurezza in meno

Commenti all'articolo (4)

Se è disattivabile non vedo molti problemi, chi lo vuole usare lo usa, chi non vuole lo disattiva... a patto che si disattivi completamente.
15-10-2017 11:23

Come fanno a profilare l'utente e a suggerire sevizi mirati se reperiscono i dati in maniera anonima? Tanto la pubblicità te la devi sorbire comunque, tanto vale che ti propongano cose di tuo interesse, altrimenti poi si direbbe che usano pubblicità omologate per far sì che l'utente pensi con la testa di altri... :roll: Se non vi va... Leggi tutto
12-10-2017 15:41

{freit}
Se gli assistenti risiedessero sul computer assistito, collegandosi solo per reperire dati in maniera anonima, sarebbe diverso. Ma che un'azienda faccia incetta dei miei dati non è tollerabile. Non è tollerabile da me, ma dalla maggioranza delle persone si, visto che insistono anche Apple, Google, Amazon, IBM.... Per... Leggi tutto
11-10-2017 20:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (2639 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics