Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web

E pure a prezzi praticamente stracciati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-10-2017]

bancomat malware 5000 dollari

È stata Kaspersky a notarlo per prima: nel dark web - per la precisione sul marketplace AlphaBay Darknet, da poco chiuso dall'FBI - fino a poco fa c'era in vendita un kit di malware creato per violare i bancomat.

Di solito, le rapine ai bancomat prevedono l'accesso fraudolento ai conti corrente dei clienti.

Il malware in questione agisce diversamente: scardina le protezione del software del bancomat, creando delle transazioni fasulle e permettendo in tal modo ai criminali di svuotare la riserva di contanti della macchina senza dover accedere ai conti dei clienti della banca.

Il kit completo per la violazione era venduto, quando Kaspersky l'ha notato, al tutto sommato contenuto prezzo di 5.000 dollari: se si pensa che grazie a esso è possibile svuotare i bancomat in successione, non è poi una gran cifra.

Il kit comprende tre elementi: il malware Cutlet Maker, ossia il modulo principale; Stimulator, un'applicazione il cui scopo è ottenere lo stato della cassaforte interna al bancomat; e C0decalc, l'applicazione che genera una password per il malware.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1841 voti)
Leggi i commenti (3)

Per funzionare, Cutlet Maker deve aver accesso diretto al software del bersaglio: deve quindi essere messo su una chiavetta da inserire nella porta Usb del bancomat, oppure deve poter agire tramite la rete.

Al di là di questa limitazione, il sistema - a differenza di attacchi precedenti, mirati a determinati sistemi - pare funzionare con qualsiasi tipo di bancomat.

Kaspersky fa inoltre notare che il malware necessita di una speciale libreria software, che è parte delle API proprietarie del bancomat, al fine di controllare il distributore di contanti.

Ciò, secondo l'azienda russa, testimonia che i criminali hanno accesso «a legittime librerie proprietarie» e al codice specifico usato per svolgere quelle funzioni.

bancomat malware
L'annuncio con il quale il malware è stato messo in vendita nel dark web.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Ma un ATM così con le mostrine di plastica dove lo trovi....... in Africa Centrale :P :D :D :D Gli ATM della Nixdorf sono tutti in metallo pesante, come quelli di tutte le altre marche, Forse un dieci-quindici anni addietro c'era la mascherina di plastica coi buchi, oggi non più.
31-10-2017 18:04

{utente anonimo}
Praticamente ci vuole un "complice" all' interno. Con un complice all' interno, non serve piu il malware.
29-10-2017 18:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerà realtà per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietà degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirà le password: conoscerà le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identità.
Smart City: le città faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1158 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics