Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto

Il nuovo digitale terrestre richiede nuovo hardware: una Tv o almeno un decoder.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-11-2017]

dvb t2 digitale terrestre 2022

Sono passati meno di dieci anni dallo spegnimento del segnale della tv analogica e l'introduzione del digitale terrestre.

Chiunque allora possedeva un televisore compatibile soltanto con il vecchio standard dovette attrezzarsi con un apparecchio nuovo, oppure acquistare un decoder, destreggiandosi tra i vari modelli disponibili.

In capo ad alcuni mesi e nonostante le difficoltà emerse, l'Italia è passata completamente al segnale digitale, che è diventato parte della vita di tutti i giorni, tanto che la frenesia di quei giorni e la preoccupazione di acquistare il decoder giusto sono ormai un lontano ricordo.

Chi pensava di potersi ora godere in pace i programmi televisivi senza mai più doversi occupare di questioni tecniche si sbagliava di grosso: il balletto sta per ricominciare.

A partire dal 30 giugno 2022, infatti, le trasmissioni televisive abbandoneranno lo standard digitale attualmente in uso - il DVB-T - per passare al suo successore, il DVB-T2, che utilizzerà il codice HEVC (o H.265).

La norma che regola il passaggio è parte della Legge di Stabilità in discussione in Parlamento, e che dovrebbe essere approvata la prossima settimana.

In realtà, rispetto ai piani originari si tratta già di un rinvio: all'inizio l'introduzione del DVB-T2 era stata fissata per il 2015.

Dal 2022, le trasmissioni abbandoneranno la frequenza dei 700 MHz per lasciarle al 5G, e l'adozione del nuovo digitale terrestre permetterà loro di utilizzare al meglio i MUX.

Se infatti con il sistema attuale un MUX permette di trasmettere 5 o 6 canali in definizione standard o 2 in definizione HD Ready (720p), con il DBV-T2 e il codec HEVC si può arrivare a 11 canali a 720p o cinque canali a 1080p.

Sondaggio
Qual è la tua piattaforma preferita per la Tv digitale?
Digitale terrestre "liscio"
Sky
Satellitare free to air
Mediaset Premium
Tv di Fastweb
Telecom Italia IpTv
Infostrada Tv
Altre (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (3658 voti)
Leggi i commenti (20)

Al di là delle questioni tecniche, per gli utenti italiani si tratta ancora di cambiare il televisore, oppure di acquistare un decoder DVB-T2.

L'Agcom ha stimato l'anno scorso che attualmente le famiglie italiane con almeno un apparato compatibile con il DVB-T2 siano soltanto tra il 15 e il 25%, ma nemmeno queste possono stare tranquille.

Infatti, il decoder adatto a funzionare nel 2022 dovrà non soltanto supportare il DVB-T2 ma, come abbiamo ricordato, anche il codec HEVC. Quelli attualmente compatibili con il DVB-T2 supportano invece quasi tutti solo i codec MPEG2 o MPEG4, usati da DVB-T.

Non è finita qui: esistono diverse versioni del DVB-T2. La più diffusa nei prodotti a basso costo è quella a 8 bit, ma esiste anche una versione a 10 bit che molto probabilmente sarà quella che vedremo in opera tra meno di cinque anni.

Se a ciò si aggiunge che alle reti televisive sono stati concessi soltanto due anni (dal 1 gennaio 2020 al 30 giugno 2022) per effettuare il passaggio alla nuova tecnologia, e che una volta completata la transizione non potranno tenere in vita il vecchio standard affiancandolo al nuovo almeno per un periodo iniziale, si capisce che la confusione di qualche anno fa si ripresenterà presto.

Per la sostituzione del televisore o l'acquisto del decoder, la Finanziaria prevede 100 milioni di euro da erogare entro il 2022 come contributo, ma non è ancora chiaro quali saranno i criteri per l'assegnazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Digitale terrestre, dal 2015 servirà un nuovo decoder
Digitale terrestre, attenti al decoder
La Sardegna spegne la Tv analogica

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

{Roberto}
Tra satellite è internet con Netflix sinceramente non vedo una indispensabilità per ora, in futuro ancora meno.
7-11-2017 13:24

Se non vuoi stare al buio la tassa Rai la paghi comunque...
6-11-2017 19:14

Benissimo. E' l'occasione per mettere nei nuovi decoder un lettore di smartcard, e dare la smartcard solo a chi paga la tassa RAI.
6-11-2017 19:07

E dopo altri 10 anni dovranno passare al 6G, e dovranno liberare altre frequenze, senza contare che il nuovo hardware sarà 8K, e 4D...insomma per invogliare le persone...a non mettere un ulteriodecoder collegato alla TV. Tenendo conto che molte TV a basso costo odierne hanno una sola HDMI, per cui o decoder, o altro da collegarci. Leggi tutto
6-11-2017 13:02

Premetto che nemmeno io ho letto nessuna specifica, ma da quanto ho capito, oltre alle frequenze differenti, hanno modificato anche l'ampiezza di banda dei canali, un po' come è successo con le varie implementazioni delle WLAN (i famosi 802.11a/b/g/n, ecc.); deduco, perciò, che i ricevitori DVB-T non siano compatibili a livello hardware... Leggi tutto
6-11-2017 12:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3169 voti)
Novembre 2017
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics