Osama Bin Laden, terrorista e pirata

Nei computer del covo di Abbottabad c'erano decine di film e videogiochi scaricati illegalmente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2017]

osama bin laden pirateria

Di recente, la CIA ha reso pubblici circa 470.000 file trovati nei computer del covo di Osama Bin Laden ad Abbottabad, in Pakistan.

Il lungo elenco comprende documenti, lettere, filmati e file audio, grazie ai quali è possibile farsi un'idea più precisa della vita all'interno del complesso fortificato ultimo rifugio del fondatore di Al Qaeda, ma che riservano anche alcune sorprese.

Tra questi file, infatti, ce ne sono alcuni che sono palesemente videogiochi e film scaricati illegalmente da Internet.

Vi sono titoli come Cars, Z la formica, Chicken Little, L'era glaciale: L'alba dei dinosauri e I tre moschettieri, e poi giochi come Grand Theft Auto: Chinatown Wars, Final Fantasy VII, un emulatore per GameBoy Advance. Nonché diversi porno e anime.

Bisogna precisare che nel complesso vivevano molte persone, e anche dei bambini: alcuni dei film, e molto probabilmente anche dei giochi, servivano al loro intrattenimento.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (1301 voti)
Leggi i commenti (4)

Altri titoli sono particolarmente interessanti: ci sono documentari sulla caccia a Bin Laden prodotti dalla CNN e altri che trattano di argomenti come i veleni più potenti del mondo e le armi più mortali.

Quanto di tutto ciò interessasse a Bin Laden direttamente, e quanto agli altri frequentatori del complesso, non è ovviamente possibile sapere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Qui siamo praticamente al gossip... :wink:
8-11-2017 19:16

{orchidea}
Ci hanno dato in pasto il Cattivo. Chissà se oltre al resto, diceva anche le parolacce. Ci si poterebbe fare un articolo...
6-11-2017 14:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2013 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics