Antibufala: torna l'allarme (falso) per i rossetti al piombo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2017]

rossetti piombo

Se avete condiviso sui social network o su WhatsApp un messaggio che parla di rossetti cancerogeni al piombo, che è un falso allarme che sta girando moltissimo in questi giorni, fate molta attenzione: potreste essere denunciati per diffamazione.

Questo falsa notizia elenca alcune marche specifiche di rossetto, accusandole di contenere piombo (cosa non vera), e può sembrare credibile perché presenta la testimonianza di un medico o di un ospedale (che però in realtà non esiste o non ha mai dichiarato quello che gli viene attribuito).

I nomi citati sono per esempio quelli della "dott. ssa Claudia Pirisi, oncologa", della "dottoressa Elizabeth Ayoub, medico biomolecolare", come segnalato da Bufale un tanto al chilo e David Puente.

A volte viene citato anche un esperimento da fare per sapere se il rossetto che usate è a rischio: mettere del rossetto sulla propria mano e strofinarvi sopra un anello d'oro. Se il rossetto diventa nero, dice l'allarme, è pericoloso. In effetti se ci provate noterete che spesso compaiono davvero segni scuri sul rossetto, e questo sembra confermare l'autenticità dell'appello.

Ma in realtà molti metalli (per esempio oro, argento e rame), lasciano segni scuri se li si strofina contro qualunque superficie, un po' come fa una matita, e quindi questo esperimento non dimostra affatto che un rossetto contiene piombo.

L'allarme si conclude di solito citando il nome di una singola marca di rossetto che non conterrebbe piombo. Ma anche questo è falso e ingannevole: nessun rossetto in commercio contiene piombo, che è vietato per l'uso nei cosmetici.

Sondaggio
Quale di queste famose "leggi" condividi maggiormente?
Un oggetto cadrà sempre in modo da produrre il maggiore danno possibile.
Qualsiasi cosa vada male, avrà probabilmente l'aria di andare benissimo.
Per ottenere un prestito bisogna provare di non averne bisogno.
L'altra coda va sempre più veloce.
A qualunque cosa si stia lavorando, non appena si mette via uno strumento, certi di aver finito di usarlo, immediatamente se ne avrà bisogno.
Si troverà sempre una qualsiasi cosa nell'ultimo posto in cui la si cerca.
Le probabilità che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando è in compagnia della fidanzata, della moglie o di un amico più ricco.
Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi.
La necessità procura strani compagni di letto.
Per quanto uno cerchi e si informi prima di comprare un qualsiasi articolo, lo troverà a minor prezzo da un'altra parte non appena l'avrà acquistato.

Mostra i risultati (2430 voti)
Leggi i commenti (17)

Per essere pignoli, un'analisi di laboratorio potrebbe rilevare tracce di piombo in un rossetto, ma questo avviene perché le analisi sono sensibilissime e riescono a rilevare quantità incredibilmente piccole delle sostanze cercate, ossia parti per milione, che equivalgono a grammi per tonnellata: quantità minuscole, considerate non pericolose, che è impossibile eliminare dai processi di produzione, tant'è vero che le troveremmo in qualunque alimento o prodotto, insieme a tracce di tanti altri elementi chimici. A questi livelli infinitesimali, insomma, il mondo intero è decisamente impuro.

Se volete saperne di più sulla regolamentazione dei rossetti, Keyforweb.it segnala la Direttiva Cosmetici dell'UE e le norme sui cosmetici dell'FDA statunitense.

Citare una specifica marca di rossetto dicendo che è senza piombo e accusare le altre di contenerne è pura disinformazione che ha un forte effetto réclame, e quindi questa è una fake news pubblicitaria che siamo noi a diffondere, se non stiamo attenti e inoltriamo senza riflettere.

Fra l'altro è una fake news che ha avuto un successo enorme: circola infatti indisturbata almeno da quattordici anni (ne avevo parlato nel 2008, segnalando che i primi avvistamenti risalivano al 2003) nonostante tutte le smentite. Questo dimostra l'importanza di non condividere allarmi se non si ha il tempo di verificarli, anche se ci arrivano da amici o da persone di cui ci fidiamo.

E in questo caso, dato che il falso allarme accusa alcune marche ben precise di rossetto di avvelenare i clienti e ne scagiona una altrettanto ben identificata, chi diffonde questa notizia falsa si espone appunto al rischio di denuncia per pubblicità sleale o diffamazione, oltre a seminare paura inutilmente. Pensateci.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (1)

Mi sembra il minimo da anni, è veramente sconcertante il fatto che sia necessario ripeterlo di continuo, ed ancora più sconvolgente è il fatto che anche il ripeterlo abbia, purtroppo, scarsi risultati... :incupito: Leggi tutto
18-11-2017 15:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1537 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics