Una legge inutile e dannosa contro le fake news

Il Pd va contro i propri principi proponendo una norma farraginosa e assurda che mira a imbavagliare il web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2017]

fakenews

Il Partito Democratico non è nato solo dall'antiberlusconismo, ma certamente trova le sue radici anche nella reazione al cosiddetto diktat di Sofia, ossia l'espulsione dalla Tv di Stato del comico Daniele Luttazzi e del giornalista Enzo Biagi, colpevoli di esserci "andati pesante" contro Silvio Berlusconi.

Da sempre questo partito dichiara di essere l'erede delle grandi tradizioni democratiche italiane, come quella democristiana e quella del Pci, allergiche a ogni forma di censura.

Per questo motivo non si capisce come mai, con tutti i gravi problemi di cui soffre l'Italia e di cui gli italiani si lamentano ogni giorno (e a cui la politica dovrebbe trovare una soluzione: dell'inquinamento atmosferico alla perdita del potere di acquisto delle famiglie), il segretario Matteo Renzi abbia eletto come proprio nemico numero uno le bufale che circolano nel web.

Non si tratta però delle bufale di chi ogni giorno con frodi, truffe e false promesse ruba milioni di euro agli italiani e a cui devono badare Polizia Postale e Carabinieri spesso a corto di mezzi, personale e formazione.

No: Renzi si scaglia invece contro le cosiddette fake news, le bufale sui politici che danneggerebbero la loro reputazione e che sarebbero sparse in Italia addirittura da Vladimir Putin e dai suoi servizi segreti.

Per la diffamazione, la calunnia, il falso ideologico, il procurato allarme esistono già in Italia fior di leggi, e i tribunali sono già sufficientemente pieni di questo tipo di cause.

Sondaggio
Il fondatore di Microsoft ha chiesto all'UE di rendere più difficili gli ingressi in Europa ai migranti africani che cercano di raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio. Sei d'accordo?
Sì.
No.

Mostra i risultati (1901 voti)
Leggi i commenti (30)

Eppure, pare che Luigi Zanda, capogruppo dei senatori Pd e un tempo fra i collaboratori più stretti di Cossiga (che non brillava per rispetto del dissenso), voglia presentare una legge che costringa i gestori dei social network a censurare quei post e quei messaggi che lederebbero la reputazione di un politico.

In realtà è una segnalazione che già ora si può fare, ma la proposta prevede, in caso di inazione da parte del gestore del servizio, l'intervento del Garante della Privacy, organismo a nomina politica (la sua composizione è decisa dal governo) e che potrebbe anche multare il gestore.

È questo il secondo tentativo di introdurre una tale normativa, dopo quello - fallito - che voleva renderla parte della legge contro il cyberbullismo e che stava rischiando di bloccare la legge stessa.

Fortunatamente la proposta non potrà essere discussa perché ormai la legislatura è praticamente terminata, ma essa rappresenta comunque un modo autoritario di affrontare la regolamentazione del web, un tentativo illusorio di contenere la crisi di credibilità della politica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Facebook liberalizza il fake
La falla di Facebook che favorisce le fake news
Come contrastare le ''fake news''
Fake news: le gravi colpe dei social network
Facebook, una task force per combattere le notizie false
Cyberbullismo, il Parlamento sta snaturando la legge

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

In quanto al punto Luttazzi in merito all'Editto bulgaro mi permetto di consigliarti di leggere qui le reali motivazioni del Berlusca... Leggi tutto
3-12-2017 17:49

Se c'è ancora qualcuno in questo paese che crede che il PD di Matteo Renzi - che, personalmente, ho soprannominato il berlusconino - sia: Allora temo proprio che sia un povero illuso... Il PD di Matteo Renzi è il partito di Matteo Renzi come Forza Italia era il partito di Berlusconi, nulla di più e nulla di meno, questa mossa quindi,... Leggi tutto
3-12-2017 17:39

{ginot4v3r4}
L'unica cosa che rovina la reputazione dei politici è la mentalità che hanno, a loro insaputa.
1-12-2017 08:49

{Claudio}
C'è una grossa differenza tra libertà di espressione e consentire a professionisti della menzogna di creare false notizie. Questa non è libertà, ma diffamazione. Siamo tutti liberi, ed è sacrosanto, di uscire per strada e passeggiare. Ma questo non può tradursi in libertà di sputare addosso a tutti gli altri passanti. Questo articolo è... Leggi tutto
1-12-2017 08:18

{porfirio zandi}
Mi spiace molto, sento il rumore delle ali dell'uccello padulo. Chi deciderà cosa è vero e cosa è falso? con che criteri? In altre parole, chi gestirà la CENSURA?
29-11-2017 14:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1918 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics