Amore e privacy online: c'è posto per entrambi?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-02-2018]

connected love

Quando si inizia una nuova relazione si presta meno attenzione alla propria privacy, mentre se il rapporto è in crisi si mostra più paura per la propria privacy: oltrepassare i confini porterebbe sicuramente a una discussione. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1024 voti)
Leggi i commenti (5)
Le transazioni online e i dispositivi digitali sono diventati parte integrante della vita quotidiana degli utenti, cambiando il concetto di privacy e trasparenza all'interno di una relazione di coppia.

Da un'indagine condotta da Kaspersky Lab e da Toluna è emerso che sebbene l'80%, delle persone sia convinta che le coppie debbano avere un proprio spazio privato, sia online che offline il 70% delle persone dà più valore alla relazione piuttosto che alla privacy.

La metà degli utenti condivide apertamente Pin e password dei propri dispositivi con il proprio partner e un quarto delle persone ha aggiunto l'impronta digitale sul dispositivo del proprio partner.

Tuttavia, quando condividiamo l'accesso alla nostra vita digitale, esponiamo le nostre impronte digitali e riveliamo i nostri segreti, che siano buoni o cattivi.

Love and Privacy

Un utente internet su tre ammette di spiare il proprio partner online per capire come si comporta, mentre la percentuale aumenta a circa la metà se guardiamo a coloro che descrivono la propria relazione come instabile o incerta sul futuro.

I partner con rapporti di coppia instabili hanno anche maggiori probabilità di ritenere che la propria privacy venga messa in pericolo dal partner (31%) rispetto a coloro che vivono una relazione felice (15%).

Gli utenti che vivono relazioni non soddisfacenti sono più inclini a voler mantenere alcune attività nascoste (76% rispetto al 54% di coloro che hanno una relazione felice).

Tra le attività che vengono mantenute maggiormente segrete ci sono il contenuto dei messaggi inviati ad altre persone, il modo in cui utilizzano i propri soldi, alcuni file personali e i siti web visitati.

La questione della privacy e della riservatezza che circonda le attività online potrebbe anche portare a litigi tra i partner - un terzo (33%) ha avuto una discussione dopo aver scoperto che il partner aveva visto qualcosa che l'altro non avrebbe voluto condividere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Quoto! La discussione e anche qualche litigio in una coppia che vive in armonia sono sempre possibili, devono però essere costruttivi e finalizzati a rinsaldare il rapporto risolvendo le divergenze, se non lo sono si va solitamente verso la rottura...
21-2-2018 19:17

ognuno ha il rapporto che merita o che sceglie: se la condivisione può diventare motivo di rottura, allora per me quel rapporto non era solido. Ci sono più cose in cielo ed in terra che nelle nostre Weltanschauung, quindi non ho la pretesa di universalizzare le mie opinioni, ma per le mie esigenze (o per quelle che credo siano le mie... Leggi tutto
21-2-2018 09:27

Già non condividere l'accesso ai dispositivi ed evitare, entrambi, i social potrebbe aiutare ad evitare occasioni di scontro o di polemica.
17-2-2018 19:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1293 voti)
Febbraio 2018
Samsung Galaxy S9, le prime foto e tutte le indiscrezioni
Google elimina il pulsante Vedi Immagine per compiacere i signori del copyright
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
È arrivato LibreOffice 6.0 (ora 6.0.1)
Alla ricerca dei futuri signori dell'acqua
Telemarketing e registro delle opposizioni, le novità in arrivo
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Per il ''dilemma'' delle password esiste una terza opzione
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Office 2019 sarà l'ultima versione e non funzionerà su Windows 7 e 8.1
Sorveglianza approfondita e non consensuale
L'app per il fitness svela le basi militari segrete in tutto il mondo
Gennaio 2018
Meno del 10% degli utenti Gmail usa l'antifurto gratuito offerto da Google
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile
Tutti gli Arretrati


web metrics