Canonical come Microsoft: Ubuntu 18.04 raccoglierà informazioni sui Pc degli utenti

Le userà per migliorare il sistema.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2018]

ubuntu 1804 raccolta informazioni

Microsoft, in fondo, lo sostiene da sempre: per poter migliorare il sistema operativo è necessario conoscere il più possibile dei computer su cui detto sistema è in funzione.

È questo il motivo ufficiale per il quale Windows 10 raccoglie tante informazioni da aver suscitato diverse proteste, sin da prima del suo lancio ufficiale, da parte di utenti che si sentono un po' troppo spiati da mamma Microsoft. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Hai una carta fedeltà o di raccolta punti?
Ebbene sì, ne ho diverse. E non ci trovo niente di male.
Mi sono lasciato infinocchiare. Ne ho qualcuna e mi vergogno un po'.
Lungi da me!

Mostra i risultati (2359 voti)
Leggi i commenti (16)
Ubuntu non ha mai davvero abbandonato il sogno di diventare, un giorno, il sistema operativo d'elezione per tutti gli utenti desktop soppiantando Windows, ma per farlo ha bisogno di garantire stabilità e facilità d'uso su ogni tipo di Pc.

Così, a partire dalla versione 18.04 LTS, anche Ubuntu raccoglierà dati relativi alle macchine su cui sarà installata e li spedirà a Canonical, che potrà utilizzarli per ottimizzare i futuri aggiornamenti.

L'annuncio è stato dato ufficialmente sulla mailing list della distribuzione, precisando anche che ogni singolo utente avrà comunque l'opzione di rifiutare la partecipazione alla raccolta dati.

Durante l'installazione ci sarà infatti una nuova casella da selezionare, la cui descrizione sarà qualcosa sulla falsariga di «Invia informazioni diagnostiche per aiutare a migliorare Ubuntu». Selezionando la casella si parteciperà, in caso contrario si resterà fuori. Ovviamente si potrà anche cambiare idea in qualsiasi momento.

I dati saranno inviati attraverso una connessione crittografata e saranno anonimi: non conterranno nemmeno l'indirizzo Ip di provenienza. Verranno poi pubblicati, così da rendere partecipe l'intera comunità delle varie preferenze degli utenti, espresse in percentuale.

Le informazioni raccolte comprenderanno:

- Versione ed edizione di Ubuntu
- Dati sulla connettività di rete
- Famiglia della Cpu
- Ram
- Dimensione dei dischi
- Risoluzione degli schermi
- Produttore e modello della Gpu
- Oem
- Posizione (basandosi sui dati inseriti in fase di installazione)
- Tempo impiegato per l'installazione
- Eventuale abilitazione dell'autologin
- Partizionamento dei dischi
- Eventuale selezione di software di terze parti
- Eventuale scaricamento degli aggiornamenti durante l'installazione
- Eventuale attivazione di LivePatch

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
È arrivato il Castoro Bionico di Ubuntu 18.04, più stabile e veloce che mai
Ubuntu 17.10 abbandona i 32 bit, ma Gnome ritorna
Ubuntu, Fedora e OpenSUSE ora girano dentro Windows
Una nuova casa per Unity e Ubuntu Touch
Ubuntu abbandona Unity
Fedora e Ubuntu, basta un file audio per violarli
Ubuntu 16.04 non annoia pur essendo una LTS

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Confermo che su Debian viene fatta la stessa domanda ad ogni installazione e quasi sempre do il mio consenso. Conoscere caratteristiche ed utilizzo dei pc è importantissimo per gli sviluppatori e questi dati anonimizzati possono aiutare a concentrare le risorse dove veramente servono. A differenza di Windows è comunque possibile... Leggi tutto
28-2-2018 17:40

{Paolo Del Bene}
canonical NON APPROVA LA VENDITA DEL FREE SOFTWARE CHE È INVECE CONTEMPLATA DALLA GNU GENERAL PUBLIC LICENSE! CANONICAL APPOGGIA IL DRM DIGITAL RESTRICTIONS MMANAGEMENT link[/url] ESSENDO DISTRIBUZIONI 100 per cento NON software libero è giusto non usarle. Invito a leggere... Leggi tutto
21-2-2018 19:59

In realtà, su Debian è da anni che c'è la raccolta, solo che è disattivata di default e anche in fase di installazione è impostato su "NO" Ubuntu è comunque derivato da Debian, nelle prime versioni era chiaramente indicata anche in fase di installazione, esattamente come in Debian, poi è sparita col nuovo installer... Leggi tutto
19-2-2018 20:42

Non sembra, ma c'è ancora tanto da migliorare, chi non lo usa, o lo usa come SO secondario, tante cose non le ha mai provate. Leggi tutto
19-2-2018 19:08

Se Canoniocal rispetta esattamente quanto dichiarato e riportato nell'articolo mi pare un pochino azzardato o, quantomeno, eccessivo paragonarla a M$... I dati e le modalità di raccolta mi sembrano accettabili a fronte di un miglioramento del prodotto.
19-2-2018 19:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (862 voti)
Maggio 2019
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Tutti gli Arretrati


web metrics