Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''

Lo rivela un memo interno del vicepresidente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-03-2018]

facebook memo

A voler pensare da complottisti, sembrerebbe quasi che sia in corso un attacco coordinato a Facebook: a partire dal caso di Cambridge Analytica, negli ultimi giorni è tutto un susseguirsi di colpi tesi a screditare il social network per antonomasia.

La bordata più recente arriva dal disseppellimento di un vecchio memo interno all'azienda, scritto nel giugno del 2016 da Andrew Bosworth, vicepresidente di Facebook noto per non usare mezze misure quando si tratta di esprimere un concetto o un parere.

Il contenuto del memo, però, va al di là del semplice linguaggio diretto. È l'annullamento di tutto il miele con cui Mark Zuckerberg e gli addetti stampa cospargono le attività del social network nel tentativo di apparire buoni, disinteressati e premurosi verso gli utenti.

La realtà - come rivelano le parole di Bosworth - è diversa. A Facebook, coem a ogni azienda, interessa la crescita: poco importa se qualcuno ci rimette, anche con la vita.

Dopo aver annunciato che intende parlare del «lato brutto del lavoro», Bosworth arriva dritto al punto. «Noi colleghiamo le persone» scrive. «E ciò può essere positivo se viene usato bene. Magari c'è chi trova l'amore. Magari può persino salvare la vita di qualcuno che si trova sull'orlo del suicidio».

«E così colleghiamo ancora più persone. E ciò può essere negativo se viene usato male. Magari costa una vita, perché mette qualcuno alla mercé dei bulli. Magari qualcuno muore in un attacco terroristico coordinato grazie ai nostri strumenti. E tuttavia continuiamo a collegare le persone».

Ed è a questo punto che arriva il nocciolo della questione: «La triste verità è che crediamo tanto profondamente nel collegare le persone che qualsiasi cosa che ci consenta di collegare un numero maggiore di persone è, di fatto, un bene».

Tutto ciò che Facebook fa, quindi, dalla raccolta indiscriminata di dati personali al «linguaggio sottile usato per convincere gli utenti a farsi cercare dagli amici», tutto è giustificato nell'ottica della crescita. E non «per noi stessi. O per il valore delle azioni (ha!). Si tratta letteralmente di tutto ciò che facciamo. Noi colleghiamo le persone. Punto».

Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (374 voti)
Leggi i commenti (10)

È evidente come un memo del genere, non appena è stato pubblicato da BuzzFeed, abbia scatenato una quantità di polemiche da far impallidire quelle legate a Cambridge Analytica, anche e soprattutto per il riferimento alla possibilità che Facebook possa essere usato per coordinare attacchi terroristici, e perché ciò non pare essere affatto un problema per chi detiene le leve del potere.

Naturalmente, la corsa ai ripari è stata altrettanto immediata. Bosworth è intervenuto su Twitter affermando di non essere più d'accordo, oggi, con il post scritto da lui quasi due anni fa, ma di non esserlo stato nemmeno allora.

In pratica, Bosworth basa la propria autodifesa sul proprio stile provocatorio e sulla volontà - che starebbe dietro alla scrittura di quel memo - di sollevare una discussione interna all'azienda, sebbene in realtà egli personalmente sostenga di «preoccuparsi profondamente del modo in cui i nostri prodotti hanno effetto sulle persone». Avrebbe insomma usato un linguaggio duro solo per cercare di ottenere una reazione.

Nemmeno Mark Zuckerberg poteva restare in silenzio, e anch'egli s'è mosso sulla stessa linea, parlando del vicepresidente come di un leader di talento che parla per provocazioni; il fondatore di Facebook ha però tenuto a sottolineare anche come egli stesso e gli altri dirigenti di Facebook non condividessero già allora quanto ora venuto alla luce.

Per cercare di salvare la situazione, i due non avrebbero potuto muoversi diversamente - quella della "provocazione travisata" è l'unica linea difensiva che possa sostenere un minimo di pressione - eppure l'impressione è che si tratti soltanto di un tentativo di rimediare al guaio, privo però di un sincero coinvolgimento: è il comportamento di coloro che pensano di poter insultare chicchessia semplicemente dicendo «stavo solo scherzando». E tuttavia il passare con tanta indifferenza sul possibile costo in vite umane pone l'intera questione su un piano ben diverso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Tim Cook tira le orecchie a Facebook: alla Apple non trattiamo i clienti come prodotti
Facebook, nuovo scandalo: da anni conserva Sms e telefonate fatte con Android
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa
Tim Berners-Lee: ''Web minacciato da digital divide e strapotere dei social''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{paolo del bene}
"ALL ABOUT FACEBOOK" BY PAOLO DEL BENE, link[/url] FRI, 14/12/2012 AT 11:53:00 P.M. SENT TO: MR MARTIN SCHULZ PRESIDENT OF EUROPEAN PARLIAMENT, TO NATIONAL SECURITY AGENCY (NSA), TO MR. TIM BERNERS LEE (CO-FOUNDER OF INTERNET) AND THE MOVIE: "DO YOU HAVE FACEBOOK? CIA AND NEW WORLD SPY SITES.OGV"... Leggi tutto
8-4-2018 12:19

Se Zuckerberg licenziasse Bosworth in tronco e facesse pubblica ammenda per quanto scritto, forse e solo forse, potrebbe far pensare ad un sincero ravvedimento. Ma dichiarando che Bosworth č: Direi che cade in evidente contraddizione e, soprattutto, non chiarisce affatto in modo univoco e indubitabile di staccarsi da quanto scritto... Leggi tutto
7-4-2018 14:33

{Carlo}
Il fatto specifico in sé non mi tocca! I miei "Social-Network" sono stati, sono e saranno soltanto il mio paese, la piazza e il bar.
3-4-2018 12:50

{Paolo Del Bene}
Nessuno scredita nessuno, si racconta solo la verità. A)MARK ZUCKERBERG RUBÒ IL SOCIAL NETWORK CONNECTU A CAMERON E TYLER WINKLEVOSS PER PUBBLICARLO COME FACEBOOK? SI B) IL SOCIAL NETWORK FACEBOOK HA RILASCIATO IL CODICE SORGENTE SECONDO I TERMINI DELLA GNU AFFERO GENERAL PUBLIC LICENSE VERSION 3? NO C)È FACEBOOK... Leggi tutto
3-4-2018 12:22

{utente anonimo}
in passato i terroristi si tenevano in contatto con il telefono: Meucci/Bell responsabili? Prima ancora si scrivevano delle lettere : inventori della scrittura e servizi postali biechi speculatori? Impariamo a distinguere le responsabilitā !
3-4-2018 11:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual č la tua app di instant messaging preferita?
WhatsApp
Telegram
Wickr
LINE
Kik
Tango
WeChat
Viber
Indoona
Snapchat
Facebook Messenger
Un'altra (indicala nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (1591 voti)
Luglio 2018
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Tutti gli Arretrati


web metrics