Fa causa alla Francia per cybersquatting perché gli ha soffiato France.com

L'ex proprietario del dominio è in guerra con il suo Paese d'origine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2018]

dominio france

Jean-Noël Frydman è un cittadino americano nato in Francia che, nel 1994, ha acquistato il dominio France.com per gestire un «chiosco digitale» a disposizione di tutti i francofoni e i francofili degli Stati Uniti.

Per oltre 20 anni, tutto è andato bene: Frydman ha costruito un'intera attività intorno a quel sito, fondando un'azienda chiamata anch'essa France.com e avviando una collaborazione con il Ministero degli Esteri francese e il Consolato Generale francese a Los Angeles.

Poi, nel 2015, lo stesso Ministero con cui Frydman ha lavorato per due decenni ha cambiato idea: ha dato il via a un procedimento legale nel tentativo di avocare a sé il controllo del dominio, ed è iniziata così una battaglia a colpi di carte bollate.

Arriviamo quindi al 12 marzo 2018: in quel giorno Web.com, presso il quale Frydman aveva registrato il dominio tanti anni fa, obbedendo a una sentenza emessa nel settembre del 2017 dalla Corte d'Appello di Parigi, ha trasferito la proprietà del dominio al Ministero degli Esteri francese, senza nemmeno avvisare Frydman del fatto o riconoscergli una sorta di compensazione. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1467 voti)
Leggi i commenti (5)
Davanti a quella che ritiene una chiara prevaricazione, l'uomo non s'è dato per vinto: lo scorso 19 aprile ha fatto causa alla Repubblica Francese, ad Atout France (agenzia turistica gestita dal governo francese), al Ministero degli Esteri francese, al ministro stesso e a VeriSign.

«Sono probabilmente uno dei clienti più vecchi di Web.com» ha dichiarato Frydman. «Sono rimasto con loro per 24 anni. Non ci sono mai stati altri casi contro France.com, eppure han fatto quel che han fatto senza nemmeno avvisarmi. Non sono mai stato trattato in quel modo da alcuna azienda in nessuna parte del mondo. E se è successo a me, può succedere a chiunque».

france com 2016
France.com nel 2016, prima di passare sotto il controllo della Francia

I legali di Frydman sottolineano come il governo francese abbia già riconosciuto, in passato, di non avere alcuni diritto sull'uso della parola France, e come non sia stato fatto alcun tentativo di acquistare o farsi concedere in licenza il dominio contestato, decidendo invece di adire immediatamente le vie legali.

Pertanto, ora la Francia e tutti gli altri soggetti citati sono accusati tra le altre cose di cybersquatting e di «appropriazione inversa di nome a dominio».

«Gli accusati» - si legge nel documento con cui Frydman ha dato il via alla propria battaglia per recuperare il dominio perduto - «hanno usato il sistema giudiziario francese per sottrarre il dominio dal querelante senza alcuna compensazione, in base all'errata teoria secondo la quale gli accusati avevano il diritto di prendersi il dominio poiché includeva il nome "France"».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fashion Week, i consigli per combattere la contraffazione
5 consigli per i brand che vogliono proteggersi online
Lucasfilm fa causa ai Jedi di New York
I 10 cambiamenti nel mondo dei domini nel 2014
Sequestrato clone Alitalia per phishing e cybersquatting
BitTorrent contro BitTorrent
L'industria del porno contro i domini .XXX
Cybersquatter multato per 33 milioni di dollari
Typosquatting
Un altro passo avanti contro il Cybersquatting

Commenti all'articolo (5)

Che schifo! Non conoscevo questa storia, ma il semplice fatto che si possa avocare a sé un nome, una parola, nonostante sia evidentemente pretestuoso, ecco: fa molta tristezza. Leggi tutto
9-5-2018 12:12

Pare che i soldi ed il potere rendano più uguali degli altri...
7-5-2018 18:59

Il caso del timbrificio Luca Armani ci insegna che tutti gli uomini sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri... Per chi non conoscesse la storia, cercate Timbrificio Armani su google...
6-5-2018 20:08

Un minimo di correttezza nei confronti di questa persona avrebbero potuto averla dopo averci lavorato assieme per anni... Appoggio in pieno l'azione del sig. Frydman.
6-5-2018 11:00

Se non venisse da voi, la prenderei per una bufala... :D Comunque, un bell'atteggiamento autoritario da una parte, supino in chi ha agito. Consiglierei di registrarsi (da altro fornitore) un sito FranceMerde.com :wink:
4-5-2018 14:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1236 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics