La scuola che sorveglia le classi con il riconoscimento facciale

Registra le presenze, si accorge di chi alza la mano, di chi sta leggendo o scrivendo e anche di chi dorme sul banco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2018]

cina scuola riconoscimento facciale

C'è una scuola, in Cina, dove il riconoscimento facciale segue gli studenti qualunque cosa facciano: mentre sono in classe, quando si siedono per pranzo, quando entrano in biblioteca.

Si tratta della Scuola Superiore numero 11 di Hangzhou, e la tecnologia è parte del nuovo «sistema intelligente di gestione del comportamento nelle aule».

Ogni 30 secondi, una videocamera installata in ogni classe effettua una scansione completa dei volti degli studenti; un software registra le presenze e analizza le espressioni per capire se ciascuno sia felice, arrabbiato, confuso, spaventato o agitato.

Il programma è anche in grado di registrare le attività degli studenti: si accorge di chi alza la mano, di chi sta leggendo, di chi sta scrivendo e anche di chi si sia eventualmente addormentato sul banco.

Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2648 voti)
Leggi i commenti (11)

Fuori dall'aula, il medesimo sistema riconosce ogni studente e usa il riconoscimento facciale per permettergli di pagare il pranzo alla mensa e per prendere in prestito materiale dalla biblioteca.

Secondo il vicepreside, tutto ciò avviene nel pieno rispetto della privacy: le immagini delle aule non vengono conservate, e i dati sono tenuti su un server interno alla scuola anziché su un servizio di cloud computing gestito da terzi.

La scuola di Hangzhou è una sorta di esperimento in questo senso, ma presto sarà tutt'altro che l'unica. I primi istituti ad adottare le videocamere sono stati gli asili, a seguito di una serie di denunce per l'uso di violenza da parte di alcune maestre verso i bambini; la diffusione della tecnologia di riconoscimento facciale sta facendo sì che sempre più realtà siano pronte ad adottare queste pratiche.

Non si tratta solo di distinguere una gallina dall'altra: in diverse città le telecamere già sono usate per individuare gli evasi o i fuggitivi, per rilevare le infrazioni al codice stradale (anche da parte dei pedoni) e persino per sapere dove certe persone amino riunirsi di solito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Istruzione e medici specializzati
Facebook tenta di far passare il riconoscimento facciale anche in Europa
Il riconoscimento facciale arriva anche per le galline
Riconoscimento facciale: Windows 10 beffato da una foto
iPhone X, Apple spiega i limiti del riconoscimento facciale

Commenti all'articolo (4)

La situazione si fa sempre più inquietante e avviata verso una deriva assai pericolosa e autoritaria. Quoto Paolosalva.
26-5-2018 16:21

{Winston}
Che il controllo sia davvero per difendere persone da abusi limitatamente a situazioni a rischio e non per abusare del controllo per ridurre le persone come schiavi, se no dalla scuola superiore numero 11 si passa alla stanza 101.
23-5-2018 12:09

Per certi versi è un avanzamento, un miglioramento, ci si sente più tranquilli nelle vesti di genitori e insegnanti, ma continuando su questa strada ho la quasi certezza che diventeremo tutti dei mezzi uomini, una delle caratteristiche che contraddistinguono gli uomini è la consapevolezza di se, avere una coscienza, poter prendere... Leggi tutto
22-5-2018 09:52

{pelato}
Credo che non siano le leggi sulla privacy a dover essere rispettate... Le leggi sono tutt'altro che perfette, tutt'altro che continuamente aggiornate, e sono fatte da politici, e la politica è l'arte dell'inganno (e delle lobby). Ciò che deve essere rispettato è l'individuo, che rimane tale... Leggi tutto
21-5-2018 17:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2146 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics