Se Amazon Echo registra le conversazioni private (e le invia ai contatti)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2018]

alexa amazon echo conversazioni private

Chiunque possieda uno smartphone Android - un modello recente con Google Assistant - avrà notato che l'assistente ha una certa tendenza a equivocare quanto viene detto intorno a lui.

In teoria dovrebbe attivarsi soltanto quando sente dire «Ok, Google» ma in pratica capita che abbia problemi d'udito, e si attivi anche quando il suo proprietario o qualcun altro sta pronunciando tutt'altre parole.

A una coppia di Portland (Oregon, USA) è successo qualcosa di simile, ma peggiore. Stavano avendo una normale discussione privata all'interno della propria casa quando una collega di lavoro del marito ha telefonato, sostenendo che il loro Amazon Echo era stato vittima di un attacco hacker.

La prova? Il collega aveva appena ricevuto un messaggio contenente un file audio, nel quale era registrato uno spezzone della conversazione che stava avvenendo in quel momento.

Subito i due hanno deciso di scollegare l'Echo, ma la natura inquietante della scena li ha lasciati scossi, e ha fornito materiale per alimentare la paranoia in tutti coloro che possiedono un assistente domestico.

Sondaggio
Quale tra le invenzioni presentate alla Electrolux Lab Competition 2013 ti piacerebbe avere?
3F, l'aspirapolvere mutaforma
Breathing Wall, il muro che respira
Nutrima, la bilancia che ti dice se il cibo è fresco
OZ-1, la collana che assorbe i cattivi odori
Kitchen Hub, la dispensa intelligente
Mab, gli insetti che puliscono la casa
Global Chef, cucinare in telepresenza
Atomium, la stampante 3D per i cibi

Mostra i risultati (985 voti)
Leggi i commenti (15)

Secondo Amazon, però, la spiegazione dell'accaduto è semplice e nient'affatto preoccupante. Si tratta di una serie di eventi «estremamente rara» che, però, può capitare.

«Echo si è svegliato» - spiega Amazon - «a causa di una parola della conversazione che avveniva in sottofondo che aveva un suono simile ad "Alexa". Quindi, il resto della conversazione è stato interpretato come la richiesta di inviare un messaggio. A quel punto, Alexa ha chiesto ad alta voce "A chi?", e la conversazione è stata interpretata come il nome di una persona presente nella lista dei contatti».

Non è ancora finita. «Alexa ha quindi chiesto ad alta voce "A [nome del contatto], giusto?" e ha interpretato la conversazione come se qualcuno avesse risposto "Giusto"» continua Amazon. «Per quanto sia già improbabile questa sequenza di eventi, stiamo valutando le opzioni che abbiamo a disposizione per far sì che diventi ancora meno possibile».

Quindi, secondo Amazon, per ben due volte Alexa avrebbe chiesto in maniera udibile conferma delle operazioni ma i due erano così presi dalla chiacchierata da non prestarvi attenzione, o non udire nemmeno la richiesta. Qualcuno in questa storia è duro d'orecchi.

Magari la coppia stava parlando proprio di quel collega, pensando di trovarsi al riparo della propria casa, e Alexa s'è convinta che invece volessero rendere partecipe dei pettegolezzi anche la persona oggetto della conversazione: dopotutto era stata nominata, ed era nella lista dei contatti. È solo un'ipotesi, ma è quello che potrebbe essere successo, o che potrebbe succedere a qualcun altro.

In ogni caso, si tratta di un'ulteriore dimostrazione di come tenere in casa un microfono sempre aperto e connesso a Internet non sembri essere proprio un'ottima idea.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google ammette: ascoltiamo le conversazioni captate da Google Assistant
Amazon, migliaia di dipendenti ascoltano le registrazioni di Alexa
Ingannare Siri, Alexa, Google Assistant con comandi vocali nascosti
Amazon Echo modificato diventa microspia
Amazon Echo (Alexa) si mette a ridacchiare in casa
Riconoscimento vocale, per ingannarlo basta fingersi bambini
Google Home Mini: mettersi un microfono aperto in casa
L'attacco silenzioso che colpisce gli assistenti vocali
Gli assistenti vocali per la casa? Ottimi sonar per spiare gli abitanti
Amazon Echo accetta ordini di acquisto da chiunque. Anche da una voce alla TV
Se il testimone cruciale di un omicidio è la casa ''smart''
Internet delle Cose: 11 ore per attivare un bollitore ''smart''
Aiuto, la mia casa smart è stata posseduta via radio

Commenti all'articolo (1)

Anzi! Direi che sia proprio una pessima idea e che questo non sia nemmeno il peggio che potrebbe capitare. Alla larga da questi impiccioni automatici! Leggi tutto
3-6-2018 16:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (342 voti)
Agosto 2019
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
La criptovaluta di Facebook è una manna per gli scammer
Microsoft: Windows 10 è il migliore Windows di sempre
Tutti gli Arretrati


web metrics