Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-07-2018]

android ue multa gratis

Google non ha preso per niente bene la maxi-multa che la Commissione Europea le ha inflitto per abuso di posizione dominante attraverso Android.

La primissima reazione è avvenuta via Twitter, con un post nel quale l'azienda precisa che «Android ha creato più scelta per ciascuno, non meno. Un ecosistema vitale, innovazione rapida e prezzi inferiori sono i segni classici di una competizione vigorosa. Ricorreremo in appello contro la decisione della Commissione».

Una reazione decisa ma tutto sommato composta. Poi, però, sul blog ufficiale Google ha deciso di usare la mano pesante, pubblicando un lungo post ricco di dettagli, in cui si lascia intendere che a essere in gioco sono la libertà stessa e la gratuità di Android.

«Nel 2007» - si legge nel post - «abbiamo scelto di offrire Android ai produttori di telefoni e agli operatori di telefonia cellulare gratuitamente». Ma i costi sostenuti per lo sviluppo dovevano essere compensati in qualche modo.

Così - spiega Google - è stata adottata la pratica di preinstallare diverse app prodotte da Google stessa: gli introiti generati da esse per l'appunto servono a portare denaro nelle casse di Google, oltre che a fornire gli strumenti considerati fondamentali in uno smartphone.

Sondaggio
Come hai trovato il tuo attuale (o ultimo) lavoro?
Tramite un'agenzia.
Tramite un collega.
Con l'invio del curriculum direttamente all'azienda.
Grazie a referenze e presentazioni tramite un amico o un parente o un amico dell'amico.
Online sui siti di recruiting o grazie ai social network

Mostra i risultati (1073 voti)
Leggi i commenti (5)

Se l'Unione Europea non vuole più che Google preinstalli le proprie app - ragiona l'autore del post - ecco che viene a cadere una delle fonti di guadagno del gigante di Mountain View. E quindi il modello libero e gratuito seguito finora da Android potrebbe cessare di esistere.

Google dovrà iniziare a chiedere delle royalty a tutti i produttori di smartphone che vogliano adoperare Android, facendo così alzare i prezzi dei dispositivi agli utenti finali? Non è detto, ma è uno scenario nero cui il post accenna chiaramente per cercare di mostrare quanto sia ingiusta - agli occhi di Google, per lo meno - la decisione di Bruxelles.

In ogni caso, il braccio di ferro tra Google e la Commissione Europea ancora non può dirsi concluso, sebbene alcuni esperti suggeriscano che tutto quanto sta succedendo sia, in fondo, troppo poco e troppo tardi.

La posizione di dominio pressoché assoluto raggiunta da Google rende infatti estremamente difficile, se non impossibile, immaginare che qualcuno riesca a far alzare il gigante di Mountain View dal trono sul quale s'è assiso, indipendentemente dagli interventi della UE.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La UE infligge a Google una multa da record per abuso di posizione dominante

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre pił in difficoltą nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrą a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno pił tolleranti e le case saranno pił rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3249 voti)
Luglio 2018
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Tutti gli Arretrati


web metrics