La falla in WhatsApp che facilita la diffusione delle fake news

Ma gli sviluppatori non hanno intenzione di chiuderla.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2018]

whatsapp falla fake news

Sono stati gli israeliani di CheckPoint a scoprire che all'interno di WhatsApp, il più noto software di messaggistica istantanea al mondo, ci sono diverse falle di sicurezza.

Esse riguardano il modo in cui l'applicazione per smartphone si connette a WhatsApp Web - funzionalità che permette di usare la chat dal browser di un Pc - e decritta i messaggi protetti dalla crittografia end-to-end tramite il protocollo protobuf2.

Le falle consentono a chi sappia sfruttarle di intercettare i messaggi scambiati e utilizzare la funzione che permette di citare i messaggi precedenti per cambiare l'identità del mittente, alterare il contenuto delle risposte altrui già spedite o addirittura inviare messaggi privati a ciascuno dei partecipanti mascherandoli da messaggi di gruppo e senza che gli altri membri se ne accorgono.

I ricercatori hanno realizzato un video che, sfruttando un'estensione sviluppata appositamente per la Burp Suite (software di analisi della sicurezza nel web), dimostra l'effetto che è possibile ottenere, e che riportiamo in coda all'articolo.

Tale estensione, battezzata WhatsApp Protocol Decryption Burp Tool è liberamente disponibile su GitHub, mentre un post sul blog ufficiale di CheckPoint spiega come utilizzarla recuperando le chiavi pubbliche e private usate da WhatsApp.

Gli sviluppatori di WhatsApp sono già stati avvisati del problema, ma la loro risposta è stata scoraggiante: dato che le possibilità mostrate dai ricercatori israeliani in fondo non alterano le funzionalità di base della crittografia end-to-end, il guaio non è poi così serio.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2049 voti)
Leggi i commenti (3)

Gli utenti - spiegano - dopotutto possono sempre «bloccare i mittenti che alterano i messaggi e possono segnalarci i contenuti problematici». Posto che se ne accorgano, aggiungeremmo.

Gli scopritori delle falle hanno allora provato ad argomentare segnalando come con queste tecniche sia possibile fare disinformazione (diffondendo fake news), ma WhatsApp ha risposto che quella debolezza è dovuta a un compromesso ben noto, che indebolisce un po' la sicurezza ma avvantaggia le funzionalità e la comodità degli utenti. Per cui - hanno concluso - «Non abbiamo per ora intenzione di apportare a WhatsApp alcun cambiamento».

L'unica raccomandazione che è possibile fare in questo caso agli utenti è quindi non fidarsi ciecamente di tutto ciò che arriva tramite WhatsApp: c'è sempre la possibilità che qualche burlone esperto di informatica abbia modificato a bella posta i messaggi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WhatsApp, i messaggi crittografati non sono poi così privati
Fake news e false citazioni
Come mai la Finlandia resiste alle fake news?
Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia
Fake news tramite comunicato stampa: ci cascano in tanti
Tim Berners-Lee: ''Web minacciato da digital divide e strapotere dei social''
Bufale, orsi e scimmiette: fare fake news con le buone intenzioni

Commenti all'articolo (2)

I dubbi che per certe aziende, ad esempio fessbuk che controlla WA, le fake news più che un fenomeno da combattere siano qualcosa da coltivare e sfruttare diventano sempre di più certezze. In quanto alla sicurezza delle loro vacche da mungere se ne fottono bellamente, il guaio che che le vacche manco se ne rendono conto... :incupito: ... Leggi tutto
14-8-2018 16:13

finché la gente continuerà ad usare quest'app...uso dal pc impossibile senza il cellulare, un solo device per volta, backup su cloud "fisso" che impediscono il passaggio tra iCloud e Drive e addio ai messaggi se cambi SO, i bot nel frattempo sono usciti? Applicazione pessima ma ancora con troppo seguito dietro, ci credo che se... Leggi tutto
10-8-2018 10:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2676 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 ottobre


web metrics