Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-09-2018]

itasa chiude sottotitoli copyright

Dopo 13 anni di attività, una delle maggiori realtà italiane per la produzione di sottotitoli amatoriali è stata costretta a chiudere, o quantomeno a sospendere il servizio per un periodo dalla durata non prevedibile.

ITASA (Italian Subs) è entrata infatti nel mirino dei detentori del diritto d'autore: il comunicato che dallo scorso sabato campeggia nella homepage del sito afferma infatti che ci sono state «segnalazioni di utilizzi impropri e illeciti» da parte degli «organi di controllo».

In pratica, ciò significa che qualcuno s'è accorto della presenza dei sottotitoli e, stando alla normativa vigente, ha provveduto a farli rimuovere: nonostante siano stati creati da appassionati e senza alcuno scopo di lucro, costituiscono un utilizzo improprio di una proprietà intellettuale altrui, sanzionata dalle leggi sul diritto d'autore.

Di conseguenza, tutti i sottotitoli sono stati rimossi. Non solo: per una settimana anche tutti i thread del forum locale sono stati bloccati, lasciando ai partecipanti alla community soltanto la possibilità di commentare l'articolo che annuncia l'accaduto.

Nonostante la singolare coincidenza temporale, non si può addebitare la sospensione delle attività di Italian Subs alla recente normativa sul copyright approvata dal Parlamento Europeo: prima che si trasformi in una direttiva e venga recepita dagli Stati dell'Unione passeranno ancora alcuni mesi.

Sondaggio
Che cosa guardi o ascolti più spesso in streaming?
Video musicali
Televisioni online
Musica
Radio online
Film
Serie Tv
Eventi in diretta (partite, concerti ecc.)

Mostra i risultati (1226 voti)
Leggi i commenti (6)

Quanto avvenuto si basa invece sulle leggi già in vigore, e non è nemmeno il primo caso in Europa: è capitato nel 2012 a un sito norvegese, nel 2013 a un sito svedese (il cui fondatore tre anni dopo rischiò anche la prigione) e a uno olandese, ma i casi sono numerosi.

Non appena un sito di sottotitoli diventa abbastanza grosso da essere percepito come una minaccia, l'intervento tramite le vie legali è assicurato.

Se si considera che negli ultimi tempi le reti televisive e i servizi di streaming italiani si stanno attrezzando per trasmettere serie e film anche in lingua originale e sottotitolati (proprio perché, soprattutto nel caso delle serie, la concorrenza di Internet e dei siti amatoriali faceva sì che i fan più accaniti seguissero la programmazione del Paese d'origine anziché quella italiana), si capisce come ormai la questione non sia più circoscritta al lavoro di appassionati, che potrebbe anche essere tollerabile perché un'alternativa non esiste: a questo punto sono in gioco i guadagni e la possibilità di fidelizzare gli spettatori alla propria piattaforma.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Il malware che si nasconde nei sottotitoli
I sottotitoli sono pirateria? Gestore sito fansub rischia condanna
I signori del copyright contro i siti che creano sottotitoli
Chiude sito di sottotitoli, avrebbe infranto il copyright
Pizzicato releaser italiano di telefilm
Gli studios si scagliano contro i fansub
Siae e compagnia a caccia di sottotitoli

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

ed ecco un troll, poco abile e poco intelligente pure per la media dei troll. Leggi tutto
21-9-2018 12:35

jumpjack ha scritto: "Pensate quanto sarebbe strano se invece di leggere sui forum "aho, ieri me so scaricato 3 film", o "ma lo sai che mi sono visto un sacco di serie in streaming?", si trovasse scritto "aho, ma lo sai che ieri me so' CLONATO 3 DVD in un supermercato e non m'ha visto nessuno? LOL LOL",... Leggi tutto
18-9-2018 17:05

Anche a me sembra giusto che tu continui a pagare 500 e all'anno per un servizio di melma. Anche poco! Giusto che i polli vengano spennati fino all'osso. Gli "sbarbatelli" (50 anni il sottoscritto) seguono da 15 anni in originale e sottotitolate, grazie al lavoro non retribuito di tanti volontari; serie che tu hai visto anni... Leggi tutto
18-9-2018 10:02

Cavolo, ho visto adesso il titolo di questa sezione! "Ribelli digitali". :lol: :lol: "Ladri moderni" in effetti suona male. :lol: "Ribelli digitali", "pirati", "furbetti" del cartellino... tutti della stessa famiglia. Pensate quanto sarebbe strano se invece di leggere sui forum... Leggi tutto
18-9-2018 09:18

mi sembra più che giusto che un sito con una tale quantità di ipocrisia venga chiuso. Io pago 500 euro all'anno per vedere serie TV su Sky, serie di cui mi ritrovo poi a parlare con sbarbatelli che le guardano gratis perchè tanto possono scaricarsele in inglese anche se non sanno l'inglese, perchè tanto c'è ITASA. Più che chiuderlo per... Leggi tutto
18-9-2018 09:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1495 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics