MS-DOS 1-25 e 2.0 diventano open source su GitHub

Microsoft ha messo a disposizione i sorgenti delle due versioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-10-2018]

ms dos opensource

Microsoft ha messo a disposizione con licenza open source il codice sorgente delle versioni 1.25 e 2.0 di MS-DOS.

Entrambi i sistemi sono stati scritti nel 1983 - l'uno in maggio, l'altro in agosto - in assembly 8086 e sono ora disponibili tramite GitHub (la piattaforma recentemente acquisita proprio da Microsoft) per chiunque voglia scaricarli, studiarli, modificarli e ridistribuirli.

La licenza scelta per questa operazione è infatti quella nota come licenza MIT (in quanto ideata al Massachussetts Institute of Technology), compatibile con la GPL della Free Software Foundation, che permette le libertà più sopra elencate.

Sebbene il codice sia liberamente scaricabile e modificabile, Microsoft non accetta l'invio di modifiche: quanto messo a disposizione è da considerare una "copia statica", la cui presenza su GitHub si deve sostanzialmente al suo valore storico.

È interessante ricordare che non si tratta della prima volta che Microsoft mette a disposizione i sorgente di questi suoi ormai vetusti sistemi operativi.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2170 voti)
Leggi i commenti (18)

Entrambi nel 2014 sono infatti stati regalati al Computer History Museum, anche se ne erano vietati l'utilizzo in progetti commerciali e la distribuzione sul web.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il bug di Ntfs che manda in crash Windows
1500 vecchie app per Windows 3.1 emulate nel browser, gratis
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Rilasciato il codice sorgente del CP/M
FreeDOS, vent'anni e non sentirli
Da Windows 1.0 a Windows 7
Abilitare il DOS sui PC con Windows XP

Commenti all'articolo (2)

Quoto al 100% Almeno avessero rilasciato l'ultima versione... (se non erro MS DOS 6.22) A questo punto potevano rilasciare la prima beta... Ma forse era troppo simile a CP/M
2-10-2018 23:38

Mi sta venendo il dubbio che M$ abbia capito come rilasciando i sorgenti di software obsoleti ed ormai inutilizzabili, possa aumentare il il 'parco software opensource rilasciato' senza dare un effettivo contributo alla comunità. Con la disponibilità di FreeDOS e DOSBox, penso che siano ben poche le persone a cui possa risultare utile... Leggi tutto
2-10-2018 20:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerà realtà per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietà degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirà le password: conoscerà le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identità.
Smart City: le città faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1099 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics