Schede grafiche fake, con Gpu-z ora si possono smascherare le truffe



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2018]

nvidia fake gpu z

Se avete comperato una nuova scheda grafica Nvidia, magari trovandola a prezzo stracciato, ma le prestazioni non sono all'altezza delle aspettative e vi stanno venendo dei dubbi sulla bontà dell'acquisto, ora avete un alleato.

L'ultima versione di Gpu-Z ha infatti introdotto un'utile funzione che gli permette di capire se la Gpu sottoposta ad esame sia davvero ciò che afferma di essere oppure se ci si trovi davanti a un fake.

Capita infatti che venditori disonesti modifichino il firmware delle proprie schede grafiche per far sì che si presentino come modelli più potenti di quello che sono in realtà: quella che pare una Gpu ultimo modello potrebbe essere invece una alternativa economica.

Di norma l'utente non ha modo di accorgersene, se non dal fatto che le prestazioni non sono quelle che sarebbe lecito aspettarsi. Mancano però le prove, con le quali si potrebbe restituire il prodotto o addirittura denunciare l'accaduto se si sospetta una truffa.

Gpu-Z ora è in grado di fornire quelle prove di cui c'è bisogno per confermare o fugare i sospetti: se la scheda Nvidia analizzata è regolare, nella parte destra della finestra delle informazioni viene mostrato il logo dell'azienda; in caso contrario un punto esclamativo all'interno di un triangolo giallo rende evidente la truffa.

Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C' ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di s)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c' chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano pi gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online una figura sempre meno utile. (Per in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c' ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente s)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre pi. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2254 voti)
Leggi i commenti (9)

Non solo: per buona misura viene apposta la dicitura [FAKE] davanti al nome della Gpu dichiarato dal firmware della scheda.

TechPowerUp non spiega nei dettagli i sistemi usati per identificare le Gpu fake, ma sottolinea come essi siano in grado di supportare anche le schede più recenti: «così, per esempio, potrà identificare una RTX 2060 fasulla che in realtà usa un GPU GK106».

Gpu-z si può scaricare gratuitamente dal sito ufficiale.

gpu z schede fake

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel, la prima Gpu discreta
nVidia, i nuovi driver obbligano il Pc a continui riavii
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Nvidia dice addio ai 32 bit

Commenti all'articolo (3)

Francamente il dubbio dovrebbe venire ancora prima di acquistarla e, nel dubbio, lasciarla dov'. Se una cosa troppo bella per essere vera, in effetti, molto probabile che non lo sia... Leggi tutto
21-10-2018 11:07

Me le ricordo, i chip della cache erano di plasticaccia lucida, inconfondibili!
19-10-2018 15:55

Ai tempi mi rifilarono una scheda 486 con la cache fasulla; il BIOS riportava i valori dichiarati ma un'utility di analisi rivelava che non ne aveva.
19-10-2018 11:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libert d'opinione ma c' un limite a tutto.

Mostra i risultati (1326 voti)
Gennaio 2019
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Il Pc con schermo e tastiera dentro il mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Tutti gli Arretrati


web metrics