Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish

Nuovo ribaltone ai vertici Tim: il Cda sfiducia l'israeliano Amos Genish.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2018]

Genish

C'è quasi una regola non scritta che porta ad avvicendamenti sempre più veloci del vertice di Tim, con la fuoriuscita dell'amministratore delegato, che se ne va, dopo qualche intervista, un piano aziendale appena abbozzato, le critiche degli investitori per il calo del titolo, una buona uscita miliardaria. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2237 voti)
Leggi i commenti (17)
Dopo le dimissioni di Marco Patuano e quelle di Flavio Cattaneo, che per poco più di un anno di mandato ricevette 25 milioni di euro di liquidazione, ora è la volta della sfiducia (la prima senza dimissioni) votata dal Cda di Tim ad Amos Genish, il manager miliardario di origine israeliana che aveva fatto fortuna con una propria azienda di telco in Argentina, chiamato al vertice dai francesi di Vivendi e poi sostenuto anche dai nuovi azionisti di controllo del fondo Elliot.

Genish non conosceva l'italiano, non si è mai trasferito a Roma e addirittura partecipava alle riunioni del Cda in streaming; non dialogava molto con la prima linea dell'azienda e pochissimo con le seconde e terze; non si è mai molto calato nella commessa realtà di Tim e tanto meno nella realtà politica ed economica italiana, ancora più difficile e complessa.

Genish se ne va con una liquidazione di 7 milioni di euro ma, soprattutto, è la vittima dello scontro in corso tra Vivendi ed Elliot/Mediaset. Ha dimostrato però una cosa: una persona intelligente e onesta non può volere lo scorporo della rete da Tim senza essere consapevole che uno scorporo finanziario e non solo gestionale significa la fine dell'azienda, che a questo punto verrebbe fagocitata da player esteri; l'infrastruttura di rete continuerebbe invece a essere in mano italiana, con l'aiuto della Cassa depositi e prestiti, come sembrerebbe intenzione, se non cambiano idea, dei governanti di 5 Stelle e Lega.

Genish non era convinto dello scorporo di Tim e non voleva essere l'ultimo amministratore delegato di Tim. Non lo sarà. Ma il suo successore poteva anche non essere nominato; se così stanno le cose, invece, lo sarà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
La Tim di Gubitosi entra nell'orbita governativa
Scontro interno in Tim: l'azienda muore per colpa della finanza
Tim nel caos per il braccio di ferro tra Vivendi e Elliott

Commenti all'articolo (2)

Come vittima casca comunque molto bene mi pare. Le vittime vere di tutte queste vicende infami sono Telecom/TIM che da azienda di belle prospettive negli anni '90 si è ridotta a relitto arenato grazie ai giochetti dei politici italiani e, soprattutto, i relativi dipendenti. :roll: Leggi tutto
18-11-2018 10:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (2981 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics