Il marchio Commodore adesso parla italiano



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2019]

Commodore marchio italiano

Ha dominato il mondo degli home computer negli anni '80 ed è diventata famosa soprattutto grazie al famosissimo Commodore 64, senza dimenticare la piattaforma Amiga che ancora oggi raccoglie agguerriti fan; poi, però, Commodore è scivolata quasi nell'oblio.

Il marchio è passato di mano in mano più volte, generando una situazione complicata a causa delle varie concessioni in licenza e delle diverse aziende nate dopo il fallimento di Commodore International.

L'ultimo capitolo di questa lunga saga, iniziata negli anni '80 dello scorso secolo, si svolge però proprio in Italia.

La Commodore Business Machines (CBM) - che, a dispetto del nome, è un'azienda italiana - ha infatti acquisito il marchio Commodore alcuni anni fa e l'ha utilizzato per produrre una serie di smartphone.

La mossa diede però origine a una battaglia legale dovuta alla poco chiara situazione dei diritti legati al marchio, ma da poco anche questa s'è conclusa: l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale ha assegnato in via definitiva il cosiddetto marchio figurativo Commodore (la C accompagnata dalla bandierina) a CBM, peraltro con l'approvazione degli appartenenti al team originale di Commodore.

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2524 voti)
Leggi i commenti (7)

Negli ultimi tempi, CBM aveva rallentato le proprie attività proprio in attesa di un chiarimento finale sui diritti. Ora che esso è arrivato, l'azienda è pronta a ripartire.

«Il nostro sogno è quello di creare molti posti di lavoro per i giovani italiani, contribuendo a limitare la fuga delle professionalità più brillanti e promettenti verso l'estero» ha raccontato Massimo Canigiani, uno dei tre fondatori di Commodore Business Machines.

La traduzione in realtà di questa promessa potrà adesso avvenire nel corso dei prossimi mesi, quando nuovi prodotti a marchio Commodore arriveranno sugli scaffali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Commodore Vic-20 torna in versione moderna
Il ritorno del Commodore 64 in versione Mini, completo di Basic e 64 giochi
Il nuovo C64 è disponibile
Commodore 64, di chi è il marchio?
Il ritorno del Commodore 64... a 64 bit
Commodore torna a occuparsi di PC
Riflessioni su AmigaOS

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1275 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 aprile


web metrics