Con Android Q gli operatori potranno limitare le SIM nello smartphone



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-01-2019]

android q sim locked

Android Q, la prossima versione del sistema operativo per smartphone di Google, porterà nuove funzioni e possibilità non solo nelle mani degli utenti, ma anche in quelle degli operatori.

Quattro commit di recente aggiunti al codice di Android lasciano intendere che gli operatori telefonici avranno un maggiore controllo sulle SIM utilizzabili nei dispositivi.

A quanto pare, infatti, sarà possibile creare una lista di operatori abilitati e una di operatori vietati: i primi, naturalmente, potranno essere scelti dall'utente per la SIM da inserire nello smartphone; i secondi, invece, resteranno esclusi da questa possibilità.

È evidente che l'operatore da cui è stato acquistato lo smartphone in origine non gradisce che l'acquirente, dopo un certo periodo, lo abbandoni in favore di un altro: questa funzionalità di Android Q fornisce lo strumento per rendere il cambio praticamente impossibile, sottraendo allo stesso tempo un altro po' di controllo dalle mani dell'utente.

Le restrizioni alla SIM saranno applicabili anche al secondo slot degli smartphone dual SIM, non si lasceranno ingannare dagli operatori mobili virtuali (MVNO) e resisteranno a qualsiasi modifica al sistema, compreso il ripristino delle impostazioni di fabbrica.

Sondaggio
Qual è il tuo operatore principale di telefonia mobile?
Tim
Vodafone
Tre
Wind
Un operatore virtuale (Carrefour, PosteMobile, ecc.)
Utilizzo più Sim
Non ho il cellulare... ma non mi crede nessuno

Mostra i risultati (4542 voti)
Leggi i commenti (9)

Gli utenti che volessero un controllo completo sul dispositivo che hanno acquistato a quel punto avrebbero come sola alternativa l'installazione di una ROM custom, non legata all'operatore, pratica che però non è alla portata di tutti e che spesso invalida la garanzia.

Questo potere sulla scelta dell'operatore è particolarmente importante per il mercato americano, dove la maggior parte delle vendite di smartphone è gestita dalle grandi aziende di telefonia e non deriva dagli acquisti indipendenti degli utenti, come invece capita più di sovente in Italia.

Resta da vedere se gli operatori nostrani decideranno di sfruttare la possibilità per i telefonini da loro forniti, emulando in tal modo i colleghi statunitensi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Confermo il mio ha avuto Android 8 per ultimo, rispetto a modelli identici, no brand. E tanto dopo 2 anni non se ne parla più..
1-2-2019 08:13

In Italia è vietato vendere telefonini sim-locked o operator-locked, di conseguenza anche se hanno il marchio di un operatore funzionano anche con sim di altri operatori. Ma c'è un però... Alcuni smartphone "brandizzati" hanno il firmware customizzato, e capita che gli aggiornamenti (se sono rilasciati...) escono (molto) dopo... Leggi tutto
31-1-2019 21:42

Si questo è possibile, anche a me anni fa capitò, acquistando su ebay, un cellulare con logo Vodafone ma completamente sbloccato che non mi diede alcun problema con latri operatori.
31-1-2019 19:18

Però con l'ultimo che ho preso, in rete, anche se non legato a nessun contratto o operatore, ho il logo Tim...che però non da nessun problema con altri operatori, ne ha passati... :)
31-1-2019 12:43

Fino ad oggi non ho mai acquistato un telefono da un operatore in bundle con il contratto e credo proprio che continuerò a non farlo. In ogni caso non esistono solo Android e iOS per gli smartphone.
26-1-2019 13:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2023 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics