Truffati o indotti in errore?

Cassandra Crossing/ La truffa del Postamat denunciata da ''Striscia'' deve essere spiegata meglio e inquadrata in termini generali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2019]

postamat

Chi segue Striscia la notizia ha già sentito parlare di questa truffa telematica, descritta e ripresa in dettaglio durante ben due puntate. La trasmissione ha svolto una meritoria attività di denuncia e di avvertimento, ma ha fatto una ben povera attività educativa.

Due parole di riassunto. Parecchie persone, che avevano appena messo in vendita un oggetto di prezzo medio-alto su alcuni siti di annunci, sono state contattate telefonicamente da un sedicente acquirente. Il truffatore si offriva di pagarlo subito, tramite accredito su carta Postepay eseguito mediante un fantomatico "codice segreto".

Se il malcapitato venditore chiedeva lumi, subiva una supercazzola in gramelot informatico e alla fine veniva convinto a dare un appuntamento telefonico davanti a uno sportello Postamat. Durante questa seconda conversazione il venditore veniva guidato ad autenticarsi e a premere alcuni pulsanti, sempre tramite supercazzole. Veniva infine invitato a digitare il "codice segreto", e a concludere la transazione.

Il codice segreto altro non era che il numero della carta Postepay del truffatore; la transazione che veniva eseguita dal truffato non era un accredito a proprio favore, ma al contrario una ricarica Postepay con corrispettivo prelevato dal conto corrente telematico del truffato.

La truffa, come altre truffe che hanno riguardato utenti di conti correnti telematici "venduti" a utenti sprovveduti, è stata attuata su grandi numeri da un'organizzazione vasta e di persone bene addestrate. Fine del riassunto.

Cassandra non ritiene che qui sia necessario raccomandare di non inviare con leggerezza denaro a sconosciuti che ti telefonano, qualsiasi ragione ci sia.

E' invece molto importante sottolineare - e Striscia purtroppo non l'ha fatto - che non si tratta di una truffa telematica, ma di pura e semplice ingegneria sociale, svolta durante il normale utilizzo di un cellulare e di un sistema informatico.

Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
Sì, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (2330 voti)
Leggi i commenti (21)

E proprio quest'ultima cosa diviene critica e deve essere sottolineata: si tratta dell'utilizzo, maldestro ma non coatto, di uno sportello automatico da parte di un utente "normale", ancorché certamente non particolarmente avveduto.

In generale negli sportelli automatici - non solo in quelli utilizzati durante questa truffa - l'interfaccia utente e le modalità di utilizzo sono tali per cui si può essere indotti a confondere e scambiare un'operazione irreversibile di addebito con una opposta di accredito. Questo dopo due decenni di uso ed evoluzione degli sportelli bancari automatici e delle loro interfacce utente.

C'è davvero da chiedersi se sia stato fatto tutto il possibile per proteggere gli utenti da se stessi e dai truffatori. Siamo sicuri che una parte di responsabilità vada ascritta non allo sprovveduto utente, ma a chi fornisce questo tipo di servizi usando questo tipo di interfacce? Sarà interessante vedere se verranno aperti procedimenti civili che portino a un giudizio in merito.

Nel frattempo l'opinione di Cassandra resta molto critica: se da una parte gli utenti sono ormai abbastanza protetti da truffe telematiche "classiche", le interfacce utente dei software di gestione restano molto brave a somministrarci pubblicità indesiderata; ma sono poco capaci a guidare in maniera chiara e non invasiva gli utenti, proteggendoli non tanto dai truffatori quanto da se stessi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Siate i follower di voi stessi
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Qualcuno viene preso. La truffa del postamat: così prosciugano il conto a conclusione dell'attività investigativa, hanno denunciato per truffa e violazione dalla misura cautelare un bresciano di 50 anni Bene.
19-5-2019 17:56

Mi dispiace ma se uno non è in grado di fare una cosa o impara a farla o non deve farla. Bisogna imparare ad accettare i propri limiti o imparare e superarli. Basta con la storia "E' colpa degli altri" Iniziamo a chiederci se noi per primi abbiamo fatto tutto il possibile per non essere t r u f f a t i Leggi tutto
7-2-2019 09:39

No, un momento... cosa c'entra la tecnologia e l'ignoranza informatica? Un truffatore è un delinquente sia che utilizzi uno sportello elettronico, un assegno falso o le tecniche di ipnosi. In un Paese civile i delinquenti sono perseguiti a prescindere dagli strumenti che utilizzano. In un Paese civile i cittadini sono tutelati dalle... Leggi tutto
2-2-2019 10:44

Ma io mi domando: compito delle forze dell'ordine non è anche la prevenzione? E tu gliene davi la possibilità! E poi: possibile che le suddette forze non abbiano l'autorità di farsi dare i dati di un cell o una carta? Ce babbioni... Leggi tutto
1-2-2019 13:08

Infatti, ok l'inclusione sociale ma se vuoi essere incluso e hai normali facoltà cerebrali (non sei riconosciuto parzialmente inabile davanti al giudice tutelare) devi muovere il culo. Io onestamente non capisco dove stia il problema. Il problema c'è se pur essendo l'utente accorto subisce una t r u f f a ma il t r u f f a t o r e non... Leggi tutto
1-2-2019 12:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra il 1925 e il 1945
Baby boomers: i nati tra il 1945 e il 1965
Generazione X: i nati tra il 1965 e il 1980
Generazione Y (o Millennials): i nati tra il 1980 e il 1995
Generazione Z (o Post-Millennials): i nati dal 1995 al 2010
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dopo il 2010

Mostra i risultati (2905 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 ottobre


web metrics