Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-02-2019]

zombie internet explorer

Deve essere un periodo strano per Microsoft: non capita spesso che una grande azienda chieda agli utenti di non adoperare i suoi prodotti.

Eppure è esattamente quanto sta succedendo. Prima è toccato a Office 2019, che nelle intenzioni del gigante di Redmond gli utenti dovrebbero snobbare in favore di Office 365. Ora è la volta di Internet Explorer.

Onestamente, in quest'ultimo caso, non si può darle torto: non più sviluppato da anni, non più al passo con l'evoluzione della tecnologia del web, Internet Explorer 11 è un fossile vivente che tuttavia è ancora incluso in Windows 10.

Con un post su uno dei blog aziendali Chris Jackson spiega perché IE sia ancora presente ma soprattutto perché sia bene far finta che non esista.

L'intero intervento è una lettura istruttiva: si evince che Microsoft, anche quando spingeva Internet Explorer come il miglior browser al mondo, era al corrente di tutti i suoi problemi e di tutte le sue stranezze.

E, in sostanza, si capisce che sono proprio quelle stranezze ad aver convinto (o piuttosto obbligato) Microsoft a mantenere il vetusto browser in Windows 10: ci sono applicazioni web usate in vari ambiti aziendali che su di esse si basano per funzionare e, fino a che chi di dover non svilupperà nuove applicazioni libere da quelle catene, Internet Explorer dovrà continuare a esistere.

Ciò che gli utenti devono però capire - sottolinea Jackson - è che l'utilizzo di IE al giorno d'oggi deve essere ristretto proprio soltanto a quelle particolari situazioni: per tutti gli altri usi c'è Edge (o qualsiasi altro browser l'utente preferisca adoperare).

Il problema si pone quando gli utenti che sono costretti a usare Internet Explorer per questioni di retrocompatibilità con certe vecchie piattaforme pretendono di usarlo anche per la normale navigazione nel web: avere un unico programma per il web, anziché destreggiarsi tra due diversi software, dal loro punto di vista è più semplice.

Sondaggio
Qual è il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (12012 voti)
Leggi i commenti (37)

Non è una buona idea, dice in sostanza Jackson. Ormai più nessuno, praticamente, sviluppa siti e applicazioni web tenendo conto di IE, perché altri browser ne hanno preso il posto. Non supporta le tecnologie più recenti, e potrebbe presentare un problema per la sicurezza.

Il messaggio è quindi chiaro: a meno che non siate proprio costretti, lasciate che Internet Explorer diventi soltanto un ricordo del passato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il nuovo Edge supporterà Internet Explorer nelle schede
Microsoft: Non comprate Office 2019
Aggiornamento d'emergenza per Internet Explorer
La patch di Internet Explorer che impedisce l'avvio dei portatili Lenovo
Edge passa a Chromium: Google festeggia, Mozilla teme per la libertà del web
Figuraccia di Microsoft: Edge va in crash, tecnico installa Chrome
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Internet Explorer ai minimi storici, Chrome in ascesa

Commenti all'articolo (2)

Ah sì, perché, esiste ancora IE? :shock: :wink:
17-2-2019 18:03

{Paolo Del Bene}
A fanculo Microsoft e tutti i prodotti delle corporazioni.
16-2-2019 12:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertà d'opinione ma c'è un limite a tutto.

Mostra i risultati (1405 voti)
Gennaio 2021
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Tutti gli Arretrati


web metrics