L'Assistente di Google sbarca sui televisori di Sony



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-02-2019]

sony android tv google assistante

Gli Android TV sono - come il nome lascia intendere - una serie di televisori prodotti da Sony con il marchio Bravia che utilizzano una versione di Android per offrire all'utente funzioni avanzate da Smart TV.

Fino a oggi, però, le versioni distribuite nel nostro Paese mancavano di una caratteristica: l'assistente di Google, ormai ben noto agli utenti di smartphone Android, che permetterebbe di controllare il televisore con la voce.

Ebbene ora il gigante giapponese ha annunciato che alcuni di questi televisori, tra quelli che offrono la risoluzione 4K con HDR, avranno l'Assistente di Google integrato anche in Italia.

Con il supporto del controllo vocale da telecomando, l'Assistente di Google consentirà di accedere velocemente a film, musica e altri contenuti, ma permetterà anche di controllare dispositivi casalinghi smart e di ricercare informazioni su Internet.

L'intento - spiega Sony - è trasformare il televisore in una sorta di «hub casalingo smart» e di intrattenimento: sono supportati oltre 1.500 dispositivi smart, da quelli dedicati all'illuminazione ai termostati intelligenti.

Per esempio, se si vuole guardare un film o la propria serie tv preferita su Google Play (o su altre piattaforme) è sufficiente dire semplicemente «Riproduci Jumanji: Benvenuti nella Giungla su Google Play» e l'app si avvia.

Sondaggio
Dove e come sei solito vedere i film?
Al cinema.
A casa, quelli trasmessi in Tv.
A casa, sul Pc.
A casa, con un lettore multimediale.
Ovunque, sul cellulare (oppure iPad / iPod / lettore Mp3)

Mostra i risultati (3352 voti)
Leggi i commenti (13)

Oppure, a patto di possedere i giusti elettrodomestici intelligenti, si possono impartire comandi quali «Spegni le luci della cucina» o «Imposta il termostato alla temperatura di 20 gradi».

Sony per ora non ha pubblicato un elenco dettagliato dei televisori Bravia compatibili con l'assistente di Google: per ogni nuova informazione è necessario consultare il sito dell'azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Videogiochi PlayStation 3 sui televisori Sony
Sony richiama un milione e mezzo di televisori

Commenti all'articolo (3)

Una ragione di più per starne alla larga... Leggi tutto
2-3-2019 19:01

:ola: Leggi tutto
26-2-2019 10:30

Sempre più felice di avere acquistato un TV non smart...
26-2-2019 08:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2084 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics