Falle nelle reti 4G e 5G permettono di intercettare messaggi e chiamate



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-02-2019]

falla 4g 5g

Alcuni ricercatori hanno scoperto tre falle finora sconosciute presenti nelle reti di telefonia cellulare di quarta e quinta generazione (4G e 5G), tramite le quali è possibile intercettare le chiamate e individuare la posizione dei telefoni.

I tre attacchi portano nomi in codice. Il primo è stato battezzato Torpedo e sfrutta una vulnerabilità presente nel protocollo paging, usato dagli operatori per segnalare ai telefoni l'imminente arrivo di una chiamata o un messaggio.

Aprendo e chiudendo rapidamente molte chiamate in un breve periodo è possibile far sì che il messaggio di paging venga inviato al telefono senza che però questo si metta a squillare: così diventa possibile individuare la posizione di un apparecchio senza allertare l'utente.

Inoltre - spiegano i ricercatori - si può sfruttare questa tecnica per alterare il canale usato per il paging e inviare messaggi falsi o addirittura bloccare completamente la ricezione dei messaggi.

Grazie a Tornado si possono portare poi gli altri due attacchi. Piercer consente di scoprire il codice IMSI assegnato all'utente su rete 4G, per poi spiarne il registro delle chiamate e, tramite alcuni dispositivi avanzati, arrivare anche a intercettare telefonate e messaggi di testo.

L'altro attacco - detto IMSI-Cracking attack - utilizza un attacco a forza bruta per individuare il codice IMSI su rete 4G o 5G.

Gli esperti che hanno individuato le falle sostengono che «Chiunque abbia una minima conoscenza dei protocolli di paging su rete cellulare può portare a termine l'attacco».

Sondaggio
Gli aspetti peggiori del mercato della telecomunicazione mobile sono:
Tariffe incomprensibili
Concorrenza tra operatori solo di facciata
Cellulari troppo complessi
Mancanza di offerte adatte alle vere necessità
Offerte tecnologiche superflue e costose

Mostra i risultati (3124 voti)
Leggi i commenti (8)

È pur vero che a questo scopo serve un'apparecchiatura dedicata, ma il prezzo di tali strumenti si aggira intorno ai 200 dollari (poco più di 175 euro), quindi il costo non è certo un ostacolo per chi voglia darsi a una tale attività.

Secondo i ricercatori, infine, negli USA tutti e quattro i maggiori operatori sono vulnerabili a Torpedo; in Europa e in Asia, inoltre, sono molte le reti che soffrono della stessa debolezza.

Fortunatamente, le falle scoperte si possono chiudere: la prima ad agire però deve essere la GSMA, che ha riconosciuto la presenza delle vulnerabilità ma ancora non ha indicato quando intenda procedere alla loro risoluzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Huawei e 5G, gli USA premono perché TIM recida l'alleanza con i cinesi
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Tim sperimenta con successo la prima connessione 5G in Italia
Il 4G arriva sulla Luna per trasmettere le missioni spaziali in Hd
Intel svela i portatili con connettività 5G e velocità fino a 1 Gbit/s
Wireless, le tendenze del 2018: dal 5G al Wi-Fi outdoor
Con il 5G scaricheremo a 20 Gbit/s
Reti 5G, più veloci della fibra

Commenti all'articolo (2)

Non è un caso che abbiano tagliato le gambe a #Blackberry e l'abbiano costretta ad usare la m...a di Android al posto del suo OS proprietario ipersicuro con kernel QNX link :cry:
26-2-2019 10:33

Ecco come faceva la Dark di NCIS.Gli sceneggiatori non esageravano.
25-2-2019 17:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1690 voti)
Maggio 2019
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Tutti gli Arretrati


web metrics