Seria vulnerabilità in macOS, e la patch ancora non c'è



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-03-2019]

falla macos

Tre mesi fa, i ricercatori del Google Project Zero hanno avvisato Apple di una scoperta importante: nel kernel di macOS, XNU, avevano individuato una grave falla.

La vulnerabilità consentiva di aggirare la protezione integrata nel sistema copy-on-write di macOS (e per questo è stata battezzata BuggyCow), che si occupa della gestione della memoria.

In pratica, permetteva di modificare le immagini dei filesystem montate dall'utente senza che il sistema operativo se ne accorgesse.

È chiaro che la superficie d'attacco è limitata: per sfruttare questo bug, è necessario che un malware sia già presente sul sistema e che possa accedere a un programma dotato di privilegi elevati «che mantenga i propri dati sensibili sul disco rigido anziché in memoria».

Al di là delle difficoltà di sfruttamento, il problema è che Apple non ha ancora risolto la falla. Così, trascorsi i 90 giorni canonici dalla scoperta della falla e dalla rivelazione di questa al produttore, Google ha deciso di rendere nota l'esistenza del problema al mondo.

Sondaggio
Sim o Wi-Fi?
Con Sim e piano dati attivo.
Con Sim ma senza piano dati.
Ho Sim e piano dati ma uso soprattutto il Wi-Fi.
Solo Wi-Fi.

Mostra i risultati (1281 voti)
Leggi i commenti (4)

Apple «ha intenzione di risolvere la questione con un rilascio futuro» spiega uno degli sviluppatori del Project Zero, ma al momento una correzione non esiste.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mac alla mercé dei clic invisibili, dati personali degli utenti a rischio
MacBook che si surriscaldano, era tutta colpa di un bug nel software
Il bug che manda in crash iPhone e Mac con un Sms
Scavalcare la password di un Mac è un po' troppo facile
L'update di macOS che riapre la falla in High Sierra
Apple risolve il bug imbarazzante di macOS
Falla in macOS, chiunque può accedere senza password
MacOS, pasticci e gaffe negli aggiornamenti a High Sierra e iOS 11
Milioni di Mac hanno un firmware vulnerabile
Falla in macOS High Sierra, password a rischio
''Ma non esistono virus per Mac'': il caso FruitFly
MacOS System 6 e 7 rivivono nel browser

Commenti all'articolo (4)

Pare che da un po' il vento sia cambiato link[/url] temo non già per aumentata scaltrezza dei "melomani" ma perché le penne ormai gliele hanno tolte tutte [url=http://forum.zeusnews.com/link/646249]link :shrug: :lol: Leggi tutto
8-3-2019 23:52

Tanto i loro iCosi li vendono a costi esorbitanti ed i Turkeys continuano comprarli... :umpf: Leggi tutto
8-3-2019 19:02

eh, si... la cosa mi fa davvero alterare...
6-3-2019 22:06

Con quello che si fanno pagare stanno a bighellonare fregandosene degli utenti? :shock: Leggi tutto
5-3-2019 15:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti più disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla società di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (902 voti)
Maggio 2019
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Tutti gli Arretrati


web metrics