Difesaonline.it e ''le verità scomode delle auto ecologiche''



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-03-2019]

elettrica

Il sito Difesaonline.it ha deciso, non si sa bene perché, di occuparsi di auto elettriche. E lo ha fatto non con un articolo, ma pubblicando una lettera di un lettore. Un lettore di cui non viene pubblicata la firma ma che dichiara di essere "un professionista del settore". Di quale settore? Non lo possiamo sapere, perché è anonimo.

Difesaonline decide di dare alla lettera (archiviata qui su Archive.is) un titolo assolutamente sobrio e pacato e per nulla acchiappaclic: "La morte viaggia su auto elettrica: le verità scomode delle auto ecologiche".

La morte, addirittura. E per illustrare la morte che "viaggia su auto elettrica" mostra incidenti di auto a pistoni.

Infatti basta usare Tineye per scoprire che la foto in testa alla lettera mostra un incidente fra due minivan (non elettrici) avvenuto negli Stati Uniti nel 2016. La seconda foto mostrata nella lettera, invece, è tratta da qui e mostra un vistoso tubo di scappamento. Neanche questa è un'auto elettrica. Cominciamo bene.

A tutti quelli che da un paio di giorni mi chiedono di debunkare queste presunte "verità scomode" ho risposto ricordando appunto che non si tratta di un articolo, ma di una lettera, e per di più anonima. Preferite fidarvi di un anonimo che non ha il coraggio di esporsi, o degli esperti che quotidianamente ci mettono la firma e la faccia?

In ossequio alla Teoria della Montagna di M*, non ho quindi intenzione di perdere tempo a smontare una per una tutte le baggianate scritte in questa lettera, che non solo è anonima, ma è completamente priva di qualunque pezza d'appoggio. Difesaonline.it vi sta chiedendo, insomma, di accettare ciecamente, sulla fiducia, le affermazioni non documentate di un anonimo. Valutate voi se sia il caso.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1837 voti)
Leggi i commenti (21)

Segnalo giusto un paio di perle:

...le prese elettriche domestiche solitamente sono limitate ad un carico massimo di 1500 Watt. A 2300W per 8 ore consecutive il rischio di incendio del garage tende a diventare una certezza...

Il "professionista del settore" mi dovrà allora spiegare come mai il mio garage, nel quale carico da un anno la mia auto elettrica, non ha ancora preso fuoco. Come mai? Semplice. Perché non sono così cretino da collegare un apparecchio elettrico a una presa non adatta. Una regola elementare che vale per un tostapane come per una Tesla. Però Difesaonline non ha sentito il bisogno di titolare "La morte viaggia sul pane a fette: le verità scomode dei tostapane".

E come notano i commenti arrivati dopo la pubblicazione iniziale di questo articolo, la frase dell'anonimo "le prese elettriche domestiche solitamente sono limitate ad un carico massimo di 1500 Watt" è semplicemente falsa. Se fosse vera, sarebbe impossibile usare una lavatrice o un trapano. Se questo è il livello di competenza del "professionista del settore", non è un buon segno.

La lettera contiene anche sparate come questa:

TIR da 1.500.000 km/anno a veicolo

Faccio il conticino della serva: un milione e mezzo di chilometri l'anno fanno 4109 km al giorno per 365 giorni l'anno. Per fare 4109 km in un giorno, guidando per 24 ore filate, bisogna percorrere 170 chilometri ogni ora senza mai fermarsi. TIR che corrono a 170 all'ora? Se tutti i conti e ragionamenti del "professionista" sono fatti cinofallicamente come questo, siamo a posto.

Lasciamo stare, poi, il fatto che la lettera del "professionista" parta con un lungo discorso su navi e sottomarini. Che cosa c'entri con le auto non si sa, a meno che l'anonimo pensi che abbiamo tutti la Lotus Esprit di 007.

esprit james bond 02 big

Superata questa prolissa divagazione, finalmente si arriva al dunque: il pericolo mortale sta nel rischio di folgorazione da parte delle batterie delle auto elettriche in caso di incidente.

Stiamo parlando di batterie in grado di accumulare tensioni di circa 400 Volt DC ed erogare correnti fino a 125 Ampère. Tutti sapete cosa succede se mettete due dita nella presa di corrente di casa vostra, dalla quale escono 220V (AC) e al massimo 16 Ampère!

Certo, e siccome lo sappiamo, non mettiamo le dita nella presa di corrente. E se dobbiamo lavorare su componenti in tensione, li isoliamo o ci proteggiamo adeguatamente. È quello che fanno i Vigili del Fuoco.

E chi progetta le auto elettriche, non essendo scemo, predispone sezionatori e fusibili in ciascun modulo della batteria. L'anonimo lo sa, ma sostiene che "il singolo modulo, individualmente, possa costituire un pericolo letale istantaneo". Prove? Nessuna. Esempi concreti? Zero. Calcoli? Nemmeno l'ombra.

Ma fa niente: bisogna credergli sulla fiducia. I soccorritori, ribadisce l'anonimo, rischiano comunque di essere folgorati, con tanto di lettere tutte maiuscole:

...se c'è stata la rottura dell'involucro della batteria di alta tensione i suoi moduli interni potrebbero essere in corto circuito con la carrozzeria e così UCCIDERE chi entra in contatto con la carrozzeria.

Mentre se c'è stata la rottura di un serbatoio in un'auto a pistoni e ci sono in giro vapori di benzina non succede assolutamente nulla, giusto?

#26gen, i #vigilidelfuoco hanno estinto l'#incendio di un camion che trasportava generi alimentari. È accaduto questa notte sull'autostrada #A14 tra le uscite di #Rimini sud e #Riccione #soccorsiquotidiani pic.twitter.com/mFT1nE4UGF — Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) 26 gennaio 2019

L'anonimo forse non considera che i soccorritori professionisti indossano indumenti protettivi e guanti e scarponi isolanti. Non arrivano a tirarti fuori dall'auto indossando le Crocs e una camicia hawaiana.

Servirebbe inoltre un miracolo di sfiga per far in modo che dei moduli di batterie si rompano catastroficamente senza che scattino i loro fusibili interni e si dispongano (chissà come) proprio in modo da scaricare tensione sulla carrozzeria e poi sui soccorritori.

Come spiega bene questa risposta su Quora, le batterie delle auto elettriche sono composte da tante piccole batterie da circa 4 volt ciascuna, collegate in configurazione mista serie/parallelo. Per prendere una scossa significativa, una persona dovrebbe quindi usare il proprio corpo per chiudere il circuito fra una lunga serie intatta di queste batterie. In altre parole, farlo apposta. Come mettere le dita nella presa.

Nelle auto elettriche ci sono anche cavi sotto tensione. Ma se date un'occhiata alle informazioni per soccorritori di Tesla, per esempio, diventa chiaro che questi cavi sono pochi, protetti e ben localizzati. È quasi impossibile collegare accidentalmente positivo e negativo attraverso il proprio corpo in modo da prendere una scossa.

tesla hv cables 2019 03 07 04 49 13

Certo, questo non impedisce a soccorritori male informati di rifiutarsi di intervenire su un'auto elettrica per paura di essere folgorati, come raccontato qui su Electrocuted.com, ma questo documento della Insurance Institute for Highway Safety del 2016 trova che le auto elettriche "sono più resistenti agli incidenti di quanto lo siano le loro controparti a energia tradizionale".

Ma l'anonimo preferisce ignorare i fatti e lanciare profezie di sventura:

Con la diffusione di queste auto ci saranno sempre più morti folgorati.

Davvero? Ci sono in circolazione circa due milioni di auto elettriche (dati Statista 2017). Tesla, da sola, nel 2018 ne ha messe circolazione altre 245.000 e spiccioli. Alcune, purtroppo, sono state coinvolte in incidenti violentissimi. Quanti "morti folgorati" ci sono stati? Non me ne risulta neanche uno, né fra i passeggeri né fra i soccorritori. Correggetemi se sbaglio.

La lettera è invece sfacciatamente pro-metano, proposto come se fosse inesauribile e fatto di eterei peti d'unicorno. La realtà è ben diversa: lo dice il CNR, ossia gente che ci mette nome, cognome e qualifica invece di fare l'anonimo che lancia il sasso e nasconde la mano. Lo dice anche questo studio di Transport and Environment, spiegato da Qualenergia.

In sintesi: Difesaonline ha pubblicato uno scritto di puro terrorismo mediatico, perfetto per attirare clic (ha già oltre 63.000 visualizzazioni) ma completamente ingannevole, privo di qualunque fonte e socialmente irresponsabile. Voglio sperare che il movente sia semplicemente l'ignoranza e l'incompetenza dell'anonimo che l'ha redatto e della redazione che ha scelto di pubblicarlo.

E vorrei tanto sapere perché un sito dedicato alla difesa militare si sia sentito in dovere di parlare di auto elettriche.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 45)

{Andrea}
Infine vorrei segnalare che hanno già fatto un debunker in Germania all'articolo che confrontava la model 3 con un Mercedes c220 e, oltre alle considerazioni che chiunque se ragiona può fare (ad esempio il confrontare due auto diverse e valutare un arco di vita dell'auto limitato a 150k km quando già la... Leggi tutto
12-6-2019 01:56

{Andrea}
Per quanto riguarda emissioni...io ho un fotovoltaico e oltre a coprire i miei consumi potrei tranquillamente circolare caricando quasi sempre con la corrente prodotta per la maggior parte del tempo (in inverno per lo più prelevi da rete...ma con una zappi sei quasi sempre in autoconsumo della produzione). In ogni caso la mia... Leggi tutto
12-6-2019 01:46

{Andrea}
Ah non avevo letto i commenti... Etabeta la model 3 è una macchina per cui c'è attesa...se tiene auto da parte sarà per motivi di distribuzione penso. Nelle auto americane che vanno in Italia, il prezzo viene sempre aumentato da vari dazi AGGIUNTIVI all'IVA. Altrimenti il prezzo del mercato americano... Leggi tutto
12-6-2019 01:40

{Andrea}
Certo che di allocchi che poi magari credono a tutti ce ne sono...fa figo scagliarsi contro le EV! Tanti intelligentoni lamentano il problema incendi delle auto elettriche....quando a guardare le percentuali di auto elettriche bruciate nel mondo rispetto alle circolanti e rapportandoli con il dato italiano di parco auto e incendio... Leggi tutto
12-6-2019 01:32

Me ne sono accorto eccome ma poi non diamo redditi di cittadinanza a coglioni che hanno scialaquato a spese di chi ha sempre usato la testa. IMHO Leggi tutto
17-3-2019 00:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1695 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics