La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno

Il gigante di Redmond offre un assaggio di quella che sarà l'evoluzione di Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2019]

windows os moderno

Al Computex di Taipei, che si è concluso lo scorso 1 giugno, Microsoft ha dato alcune indicazioni sulle caratteristiche che essa ritiene debba avere un «sistema operativo moderno».

Sappiamo infatti che Windows 10 è «l'ultima versione di Windows», come Microsoft stessa annunciò al momento del lancio: il rilascio di un Windows 11 non è previsto; invece, da ormai quasi quattro anni si procede con il rilascio semestrale di aggiornamenti che hanno il compito di tenere il sistema operativo al passo con i tempi.

Le fondamenta di Windows, ciò che costituisce il cuore di questo sistema, vengono però da lontano, e non è detto che sia possibile aggiornarle all'infinito; è quindi possibile che un giorno da Redmond esca un successore di Windows.

Oppure Microsoft trasformerà lentamente la propria creatura in base ai principi indicati a Taiwan: anche questa è una strada che avrebbe un senso percorrere, per evitare di danneggiare quella retrocompatibilità pressoché ininterrotta sulla quale Microsoft ha costruito il suo impero.

Comunque vada, a Redmond hanno chiari alcuni punti chiave, spiegati in un post scritto sul blog ufficiale da Nick Parker, uno dei vicepresidenti.

Il primo è che il «SO moderno» sognato da Microsoft deve offrire aggiornamenti continui che vengono scaricati e installati in background, in maniera «invisibile», senza disturbare in alcun modo il lavoro dell'utente.

Windows 10 già parzialmente si muove in questa direzione, ma non si può certo dire che non disturbi l'utente; il suo futuro successore dovrà offrire «un'esperienza d'aggiornamento deterministica, affidabile e istantanea, senza interruzioni».

Tutto ciò porta al secondo punto chiave: il sistema deve essere «sempre connesso».

Sondaggio
Ci sono degli aggiornamenti del sistema operativo da scaricare e installare. Cosa fai?
Non installo nulla perché incide sulla velocità di Internet e sulle prestazioni del computer
Accetto l'installazione. Possono essere aggiornamenti importanti
Forse installerò gli aggiornamenti più tardi
Non vedo notifiche provenienti dal sistema operativo

Mostra i risultati (2724 voti)
Leggi i commenti (6)

«Con un SO moderno» - spiega Parker - «la connessione LTE 5G funzionerà senza problemi, e gli utenti non dovranno mai preoccuparsi di incorrere in un punto morto. Tutti i dispositivi dell'utente saranno consapevoli e connessi gli uni agli altri».

La connessione perpetua non sarà utile soltanto per ricevere gli aggiornamenti: il sistema del futuro sarà anche completamente integrato nel cloud, per poter utilizzare al meglio i servizi di intelligenza artificiale come, per esempio, Cortana.

«Un SO moderno è consapevole di ciò che l'utente farà domani e lo aiuta a farlo; migliora anche le applicazioni rendendole più intelligenti» si legge nel post.

Quarta caratteristica è la sicurezza. «Un SO moderno è anche sicuro per default» racconta ancora Parker, che poi procede a spiegare che cosa intenda con questa espressione: «Lo stato è separato dal sistema operativo; l'elaborazione è separata dalle applicazioni; ciò protegge l'utente dagli attacchi durante tutto il ciclo di vita del dispositivo».

Un altro pilastro su cui costruire un sistema operativo moderno è la capacità di andare oltre il paradigma d'interazione basato su mouse e tastiera: «Gli utenti potranno usare penne, voce, tocco, persino lo sguardo; qualsiasi metodo di interazione vogliano adoperare funzionerà tanto bene quanto mouse e tastiera».

Tanta flessibilità si rifletterà quindi anche nell'aspetto dei dispositivi: se già oggi gli smartphone surclassano i PC tradizionali per numero di utenti, il sistema di domani deve essere in grado di adattarsi a qualsiasi dispositivo gli utenti vogliano utilizzare, offrendo sempre un'esperienza familiare.

Infine, le prestazioni. «Un SO moderno deve offrire prestazioni costanti, sin dal momento in cui l'utente prende in mano il dispositivo - e tutto è pronto per funzionare - senza doversi preoccupare della prossima volta in cui il PC dovrà essere ricaricato».

Quale sia il percorso che Microsoft intende seguire per ottenere tutti questi obiettivi non è dato sapere: se anche è già stato ideato, è ancora segreto. Sempre ammesso che tutto quanto illustrato non sia semplicemente parte di un'opera di marketing.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Windows Lite: un Windows 10 leggero per far guerra a Chrome OS
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

:clap: :clap: :clap: Leggi tutto
13-6-2019 19:13

:malol: :malol: :malol: Non lo sai che #Microsoft è la fucina dei buoni propositi? Peccato rimangano concept, non hanno mai imparato a forgiarli. Leggi tutto
8-6-2019 10:46

E dove sta scritto che moriremo tutti di fame? Al più compro un fazzoletto di terra visto che non seguendo il modello consumistico qualche risparmio ce l'ho e divento vegano. :lol: Leggi tutto
8-6-2019 10:44

:ola: :ola: :ola: Comunque dall'avatar mi sembri un po' "prevenuto" pardon #BDS quindi non proprio utonto come le masse. :P Leggi tutto
8-6-2019 10:41

A me sembrava sarcasmo il suo. Come dire: 'sará tre volte Natale e festa tutto il giorno....' Tanti buoni propositi dunque, che però resteranno utopie. Leggi tutto
7-6-2019 07:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1644 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics