Visa, Mastercard e PayPal partecipano alla criptovaluta di Facebook

Ognuno ha versato 10 milioni di dollari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-06-2019]

facebook project libra visa mastercard paypal

Poteva sembrare solo una boutade (come la convinzione di essere una piattaforma attenta alla privacy) l'annuncio, da parte di Facebook, di voler varare una criptovaluta da adoperare con WhatsApp.

Invece, non solo il social network ha iniziato a stringere accordi con varie piattaforme di e-commerce ma il suo Project Libra (questo il nome del progetto che porterà alla nascita della criptovaluta) ha anche raccolto investimenti da PayPal, Uber, Visa e Mastercard, che hanno versato 10 milioni di dollari ciascuno, e da realtà come Stripe e Booking.com.

A rivelarlo è il Wall Street Journal, il quale fa anche sapere che i finanziatori diventano parte di una sorta di consorzio creato appositamente per gestire la moneta digitale, anche se le modalità al momento sono tutt'altro che chiare.

Libra inizialmente sarebbe dovuta essere legata al dollaro americano, in modo da offrire una stabilità che le altre criptovalute non hanno, e per finanziare la creazione della valuta Facebook aveva già raccolto 1 miliardo di dollari prima ancora che i più recente finanziatori si facessero avanti.

L'interesse mostrato da tutti questi soggetti può essere un indizio dei piano grandiosi che Facebook ha in mente per Libra: creare una criptovaluta accettata quasi universalmente, e in tal modo avere voce in capitolo non solo sugli interessi, i lavori e i passatempi degli utenti, ma anche su ogni loro acquisto.

Il fatto poi che pure PayPal sia della partita potrebbe indicare che uno sconto tra l'affermato sistema di pagamento e il nuovo arrivato - che dietro a sé ha tutta la potenza del maggior social network del mondo - non è nei desideri di nessuno.

Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (5613 voti)
Leggi i commenti (93)

Secondo il Wall Street Journal, in ogni caso, nessuno dei membri del consorzio - nemmeno Facebook - gestirà completamente la criptovaluta: alcuni fungeranno tuttavia da «nodi» del sistema, verificando le transazioni.

Quanto ai tempi di realizzazione, potremmo non dover attendere molto: secondo alcune indiscrezioni il grande annuncio potrebbe essere fatto già la prossima settimana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'occhio dell'antitrust europeo sulla criptovaluta di Facebook
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Facebook: nessuna privacy per gli utenti
La criptovaluta di Facebook farà concorrenza a Apple Pay e PayPal
Facebook lancerà una criptovaluta da usare con WhatsApp

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Francamente di monete virtuali ne faccio assai volentieri a meno, non mi fido affatto.
8-7-2019 18:59

Io spero invece che Telegram e altri messangers facciano la stessa cosa, ma con una moneta permissionless. Di Telegram mi potrei anche fidare. Anche perché credo che farebbero una moneta fatta per gli interessi delle persone, come i BTC, non certo una farsa rubadati.
7-7-2019 12:50

Qualcosa si muove: link Ma... sarà vero che è solo l'inizio? Anche perché come inizio è decisamente irrilevante dal punto di vista economico per fessbuk.
28-6-2019 17:45

Se ci fosse qualche scandalo riguardante i soldi, con parecchi utonti che li perdono e qualche "hacker russo" che li ottiene con strana facilità, chi lo sa... Potrebbe essere la volta buona che qualcuno si sveglia e qualcun altro è di conseguenza obbligato a legiferare per tutelare le vittime. Per i dati, già adesso... Leggi tutto
26-6-2019 18:04

Se la gente avesse un minimo di discernimento fessbuk non esisterebbe già più quindi...
21-6-2019 18:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (394 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics