Acquisti online, le consegne rapide fanno male all'ambiente



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2019]

consegne rapide emissioni

Fare acquisti online e vedersi recapitare i prodotti direttamente a domicilio non è solo una bella comodità: in linea di massima è un bene pure per l'ambiente. Non sono infatti i singoli, numerosi acquirenti che si muovono, ma un solo corriere serve più clienti: le emissioni totali sono quindi certamente inferiori.

Secondo uno studio di Axios, però, l'introduzione delle consegne rapide (anche in un giorno solo) stanno vanificando questi benefici.

A mano a mano che sempre più venditori online offrono tempi di consegna sempre più ridotti ecco che aumenta il numero di viaggi che il corriere deve fare (e che invece, con tempi più rilassati, sarebbero cumulati in un'unica spedizione); di conseguenza, le emissioni tornano a salire.

Gli acquirenti sono inoltre maggiormente propensi a fare tanti piccoli acquisti, certi che riceveranno la merce nel minor tempo possibile: si tende a non aspettare più l'inclusione di un dato prodotto all'interno di una spedizione più grossa.

C'è poi un'altra conseguenza, sempre dannosa per l'ambiente, di quest'abitudine alle consegne ultraveloci. Come sottolinea il professor Costa Samaras della Carnegie Mellon University, per poter rispettare i tempi i venditori aprono tutta una serie di magazzini locali, in modo da essere vicini ai clienti.

Sondaggio
Qual è il motivo che ti spinge maggiormente (oppure no) ad acquistare online?
La facilità di acquisto
La presenza di maggiori sconti e promozioni
La possibilità di evitare i centri commerciali
Una più ampia visibilità delle promozioni in corso
La possibilità di valutare tutte le opzioni
Poter acquistare anche all'ultimo momento

Mostra i risultati (2032 voti)
Leggi i commenti (12)

Tali magazzini però richiedono energia, riscaldamento, condizionamento e via di seguito: le emissioni non possono che aumentare.

Chi tiene all'ambiente potrebbe quindi iniziare a fare la propria parte cercando di concentrare i propri acquisti online in un'unica spedizione. Quanto ai corrieri, qua e là si vede lo sforzo di sostituire i mezzi attuali con veicoli elettrici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Senza parlare dello stress e delle difficoltà che investono le persone che operano nelle strutture logistiche e nella distribuzione. Leggi tutto
6-7-2019 14:12

{aldo}
con aliexpress ci vogliono sempre 2 mesi. no problema.
2-7-2019 10:54

{torob}
Tutto il processo di produrre e spedire beni è dannoso per l'ambiente, dovunque. Certo c'è da chiedersi una cosa: noi cittadini cosa paghiamo a fare i nostri amministratori? Non dovrebbero organizzare le cose facendo studi a medio e lungo termine, interfacciandosi e coordinandosi con gli altri amministratori per... Leggi tutto
1-7-2019 18:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1409 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics