Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp

È tempo che tutti sappiano chi comanda davvero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2019]

facebook instagram whatsapp

Chi possiede Instagram? Facebook. Chi possiede WhatsApp? Facebook. È così rispettivamente dal 2012 e dal 2014, ma ancora non tutti lo sanno.

Questa diffusa ignoranza su chi sia il gigante dietro all'app di messaging più adoperata al mondo e dietro al popolare social network fotografico ha iniziato a essere seccante per Facebook, che ha deciso di intervenire ribattezzando i due servizi.

Non si tratta di un cambiamento radicale, ma presto i nomi ufficiali diventeranno Instagram from Facebook e WhatsApp from Facebook, affinché chiunque capisca chi è che davvero tiene le fila.

«Vogliamo essere più chiari per quanto riguarda i prodotti e i servizi che fanno parte di Facebook» ha spiegato l'azienda a The Information, mentre le voci interne alle due realtà coinvolte nel cambio di denominazione parlano di «sorpresa e confusione» nei dipendenti.

In linea di principio, non si cambia il marchio di un servizio popolare, per evitare che a seguito di ciò cambi anche la percezione degli utenti (magari in peggio).

È pur vero che in questo caso i nomi restano, ma l'aggiunta di Facebook, che non ha esattamente una buona fama per quanto riguarda il rispetto della privacy degli utenti, potrebbe non essere troppo gradita a quanti finora non sapevano come stessero le cose in realtà.

Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1213 voti)
Leggi i commenti (12)

Secondo alcuni commentatori, potrebbero essere però proprio motivi legati alla privacy la base per questa mossa: Facebook, in questo modo, starebbe cercando di mostrare alle varie autorità che si occupano di tutelare i dati degli utenti che non ha alcuna intenzione di nascondersi dietro marchi certamente noti ma apparentemente non legati al social network in blu.

D'altra parte, è anche possibile che si tratti semplicemente di un'ulteriore parte del piano che porterà gli account Facebook, Instagram e WhatsApp a essere sempre più integrati tra loro, un'operazione sulla quale Facebook non ama sbilanciarsi troppo, almeno pubblicamente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Furti di account WhatsApp: occhio alle richieste di mandare codici
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp

Commenti all'articolo (3)

Ad essere onesti non mi pare che la cattiva fama di fessbuk nei confronti del rispetto della privacy degli utenti abbia causato questo fuggi fuggi da parte di questi ultimi. Credo, quindi, che la mossa di FB sia stata ponderata in tal senso e che, se l'hanno decisa, in FB siano giunti alla conclusione che porta più vantaggi che... Leggi tutto
14-8-2019 14:29

{Johannes}
Eh, certo. Non è me**a, è il cane che ha fatto la cacca.
7-8-2019 17:08

{Chicxulub}
Se si appiccica troppo sarà un motivo in più per toglirlo appena esce qualcosa che valga la pena usare, chiaramente da vedere quando e quanti utenti. Uso da sempre il PC e non mi è mai piaciuto facebook.
5-8-2019 22:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1757 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics