Senatore USA vorrebbe vedere Mark Zuckerberg in prigione

Il fondatore di Facebook ''ha mentito ripetutamente al popolo americano'', ha dichiarato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2019]

zuckerberg prigione

Mark Zuckerberg ha «fatto del male a molta gente» avendo «mentito ripetutamente al popolo americano per quanto riguarda la privacy»: è questa l'opinione del senatore dell'Oregon Ron Wyden espressa in una recente intervista concessa al Willamette Week.

Wyden, che fa parte del Partito Democratico, non si limita ad accusare il fondatore di Facebook. Sostiene che per quelle sue colpe «dovrebbe essere considerato personalmente responsabile e pertanto affrontare tutte le conseguenze, dalle sanzioni economiche fino alla possibilità - e lasciatemi sottolinearlo - di passare del tempo in prigione».

Il senatore Wyden è finito a parlare di Mark Zuckerberg nel corso di un discorso su una particolare legge americana del 1996, il Communications Decency Act, che nella Sezione 230 sostanzialmente prevede che le piattaforme online non possano essere considerate responsabili dei contenuti inseriti dagli utenti.

Wyden sostiene che in linea di massima la Sezione 230 non sia da buttare ma ritiene che vada comunque rivista per inserire certe garanzie circa la moderazione di determinati contenuti.

Criticando l'ex presidente Barack Obama, il quale aveva affermato «che è necessario rinunciare al 10% della propria libertà in nome della sicurezza», Wyden ritiene che sia meglio dare ascolto a Benjamin Franklin, il quale invece «disse che i due aspetti non devono escludersi l'un l'altro».

Il senatore è convinto che ci sia molto su cui lavorare per bilanciare questi libertà e sicurezza, perché se la Sezione 230 protegge «i piccoli» e consente loro la libertà d'espressione, d'altro canto è necessario «creare pressione da parte del mercato sulle grandi aziende tecnologiche affinché prendano più sul serio i loro compiti di moderazione».

Il quadro si fa ancora più chiaro se si tiene presente che il senatore dell'Oregon ha ancora il dente avvelenato dalle ultime elezioni presidenziali, che hanno portato Donal Trump alla Casa Bianca.

Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1142 voti)
Leggi i commenti (3)

Le aziende che si occupano di tecnologia «hanno praticamente sbagliato tutto sin dalle elezioni del 2016» ha affermato durante una conferenza rivolta ai dipendenti di dette aziende. «Io avevo capito sin dall'inizio che le vecchie regole per i media non avrebbero funzionato molto bene in questo nuovo spazio. All'inizio vi abbiamo aiutato. Ma le vostre aziende hanno proprio deluso la nazione. [...] Se non vi occuperete seriamente della moderazione, dovrete affrontare molta gente. E questa gente si troverà in una posizione di grande forza».

Di qui, la necessità di avere gli strumenti per individuare dei colpevoli quando le cose vanno male. Come ci sono leggi che considerano personalmente responsabili i dirigenti di aziende che mentono sui proprio bilanci - sostiene Wyden - così bisognerebbe fare lo stesso con i dirigenti di aziende tecnologiche che mentono su altri argomenti, come la privacy, anche se il senatore non è stato in grado di indicare quale legge consenta di far ciò.

Negli USA è la Federal Trade Commission che ha l'ultima parola in materia di privacy, e lo scorso luglio proprio la FTC ha multato Facebook per la cifra record di 5 miliardi di dollari. Zuckerberg, però, non è stato coinvolto in prima persona, anche se l'ipotesi che potesse essere chiamato a rispondere egli stesso era stata effettivamente ventilata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Ma se è la piattaforma americana a mettermi in bocca cose illegali (e lo posso dimostrare) è lei l'autrice. E abbiamo comunque un reato che si manifesta in Italia, benché perpetrato da oltreoceano. E il rappresentante italiano di tale organizzazione ne dovrebbe rispondere a nome dell'azienza. La fortuna dei farabutti come Zuck è che... Leggi tutto
15-9-2019 23:28

Vedi, cìè una sostanziale ignoranza. Il fatto che internet arrivi ovunque non vuol dire niente, vale comunque la legge del luogo dove arriva e il gdpr lo dimostra. Puoi avere un sito con hosting in #USA in #Russia o dove ti pare ma se la tua utenza tipo è di nazioni europee devi mettere un disclaimer conforme al GDPR ergo per le... Leggi tutto
14-9-2019 16:28

Scenario plausibile e quasi peggio che orwelliano... agghiaccianteahah! Leggi tutto
13-9-2019 18:05

:malol: :malol: :malol: Quasi, quasi lo farei pure io ma, come già sottolineato da @etabeta in fessbuk hanno già provveduto a disinnescare tale eventualità... per cui non mi iscriverò neppure in questo caso. =) Leggi tutto
13-9-2019 18:04

Se le piattaforme non sono responsabili dei contenuti, allora non devono avere il diritto di poterli alterare/censurare. Se invece possono alterarli/censurarli, allora ne sono responsabili quantomeno in parte. In linea di principio fessbuck potrebbe mettere in bocca cose illegali agli utenti avversari politici, tanto non è... Leggi tutto
10-9-2019 01:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1639 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics