Tesla col richiamo: caos e incidenti nei parcheggi

Chiamare a sé l'auto dal telefonino con la funzione Smart Summon ha già causato confusione nei passanti e qualche tamponamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2019]

Tesla Smart Summon

Dopo l'aggiornamento di settimana scorsa, il software che governa le Tesla è stato portato alla versione 10 e gli utenti che hanno acquistato il servizio Full Self-Driving ora possono fare qualcosa che fino a pochi anni fa pareva fantascienza: chiamare a sé l'auto dal telefono grazie alla funzione Smart Summon.

Con un semplice comando impartito dall'app è possibile far sì che la Tesla esca da sola dal parcheggio e raggiunga la posizione del suo proprietario, posto che i due si trovino al massimo a 60 metri di distanza tra loro.

Funziona questo sistema? In linea di massima sì. Però, come dimostrano i video che vanno apparendo nel web, Tesla sembra comportarsi un po' come Microsoft: ha tutta l'aria di stare trattando gli utenti come beta tester di una tecnologia non proprio matura. E quando una tecnologia non proprio matura fa muovere le auto, ecco che accadono gli incidenti.

Si tratta di piccoli tamponamenti ed eventi di lieve entità, ma che certamente sono comunque seccanti, specialmente per quanti non possiedono una Tesla ma vengono coinvolti loro malgrado nel "beta test".

Su Twitter si può facilmente trovare la testimonianza del padrone di una Tesla Model 3 che ha urtato il muro del garage; in un altro caso, sempre una Model 3 è stata urtata da un'auto che usciva da un parcheggio; ancora, in un altro video si vede una Tesla che quasi si scontra con un SUV.

Su YouTube è possibile inoltre trovare il video di una Tesla che esce da un parcheggio causando una certa confusione nei pedoni. L'articolo continua dopo il video.

La pubblicazione di questo materiale nel web ha immediatamente acceso il dibattito: da un lato ci sono quanti accusano Tesla di giocare con la vita delle persone, mettendo nelle mani dei suoi clienti una tecnologia pericolosa e non pronta, e chi invece assegna tutta la responsabilità agli utenti stessi, rei di aver usato Smart Summon in condizioni di non assoluta sicurezza.

A tutte queste situazioni Tesla ha risposto che Smart Summon ha dei limiti: l'auto, anche se ne è dotata, non è completamente in grado di guidarsi da sola.

«Siete sempre responsabili della vostra vettura, dovete sorvergliare sia l'auto sia ciò che vi sta intorno e mantenerla all'interno del vostro campo visivo perché potrebbe non rilevare tutti gli ostacoli» si può leggere sul sito dell'azienda. «State particolarmente attenti quando ci sono persone che si muovono con rapidità, biciclette e auto».

Al di là della situazione specifica, però, il quadro che si va delineando può essere considerato una sorta di prova generale del futuro prossimo.

Non appena le auto con funzioni di guida autonoma - seppure limitata come Smart Summon - saranno più comuni, e ciò avverrà perché praticamente tutte le case automobilistiche stanno lavorando su tecnologie di questo tipo, rischieremo di veder aumentare drasticamente il caos generata dalla coesistenza di auto "intelligenti" e auto normali nei parcheggi e sulle strade, soprattutto se i veicoli smart non lo saranno poi così tanto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hyundai Ioniq 5: 18 minuti per caricare 270 km
Due morti in Tesla, ''nessuno era al volante''?
Tesla con guida “autonoma”, due video a confronto per capire
Tesla, l'ultimo update trasforma l'auto in uno stereo portatile
Antibufala: il video del conducente addormentato in Tesla
Tesla si schianta contro camion e prende fuoco, nonostante l'Autopilot
Elon Musk: l'auto che si guida da sola arriverà entro la fine dell'anno
Elon Musk: ''La vostra Tesla vi seguirà come un cagnolino''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Però come scherzo potrebbe essere carino, tipo candid...si avvicina qualcuno all'auto, chessò la nonna, che niente non sa di queste 'diavolerie', e la fai sobbalzare, credendo sia questa... :lol: [video]http://www.youtube.com/watch?v=Nyg4sIl6Bq8[/video]
11-10-2019 12:38

60 metri... ca**o... nemmeno 100 passi (perdonami Peppino se anche indirettamente ti tiro dentro a sta ca**ata)... 60 metri... e un deficiente che gioca col telefonino... Fatteli, sti 100 passi, sali in macchina come tutti e parti.
10-10-2019 22:09

Al massimo 60 m di distanza, stare attenti a tutto ciò che succede attorno alla macchina inoltre, a vedere il primo video presente nell'articolo, se il proprietario ci andava a piedi e partiva ci metteva un decimo del tempo, in pratica non serve a nulla se non a dimostrare quanto è stupido quello che se l'è comprata. Purtroppo fino a... Leggi tutto
5-10-2019 15:56

Carino come giocattolo radiocomandato per ricchi.
3-10-2019 14:01

{utente anonimo}
"... e raggiunga la posizione del suo proprietario, posto che i due si trovino al massimo a 60 metri di distanza tra loro" No, digiamolo: un genio ci vuole a perdere tempo su un'App che serve a spostare l'auto da un parcheggio a 60mt di distanza. Prevedono che gli umani perdano a breve l'uso delle gambe? 60mt! ... Leggi tutto
2-10-2019 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 luglio


web metrics