Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma

L’insegnante accusata di aver scritto un post contro il carabiniere ucciso è stata sanzionata per non aver custodito il proprio smartphone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-10-2019]

La decisione della commissione disciplinare dell'Ufficio Scolastico Regionale di comminare dieci giorni di sospensione e un anno di blocco della progressione degli scatti di anzianità a Eliana Frontini per "omessa custodia" del cellulare è una decisione assolutamente nuova nel suo genere.

Lo smartphone della professoressa Frontini sarebbe stato usato dal marito per scrivere il famigerato post contro il brigadiere dei Carabinieri ucciso da un giovane americano la scorsa estate a Roma. Lo ha affermato lo stesso marito dell'insegnante, con una dichiarazione giurata scritta in cui si è assunto la responsabilità del fatto.

La vicenda ha suscitato polemiche durissime a livello nazionale e locale e molti cittadini e uomini politici (soprattutto di destra) hanno invocato il licenziamento di questa insegnante, a partire dal precedente ministro dell'Istruzione Bussetti.

L'insegnante attualmente lavora nel suo istituto scolastico ma dall'inizio dell'anno non ha compiti di insegnamento, per evitare polemiche con genitori e studenti.

Contro il provvedimento appena emesso, l'avvocato dell'insegnante ha presentato ricorso sostenendo che non si può punire una persona per un atto di cui non è responsabile.

Ci sarà probabilmente un appello presso l'Ispettorato del lavoro. Intanto va avanti l'indagine della Procura della Repubblica di Novara per vilipendio delle Forze dell'ordine.

Per lo stesso episodio la commissione disciplinare dell'Ordine dei giornalisti, a cui la Frontini era iscritta come giornalista pubblicista, ha comminato la sanzione massima della radiazione dall'albo professionale che dovrà essere convalidata dal consiglio nazionale dell'ordine stesso e avrà la durata di cinque anni. La commissione non ha ritenuto valida la giustificazione dell'interessata per cui sarebbe stato il marito a scrivere il post.

La sanzione disciplinare inflitta alla Frontini è per omessa custodia del telefonino che ha comportato per il suo uso un danno di immagine alla funzione educativa della scuola.

La motivazione è un'assoluta novità: un'insegnante (ma potrebbe valere anche per un altro tipo di dipendente pubblico e forse privato) non è solo responsabile dell'uso che fa del proprio telefono mobile, anche fuori dal servizio e per comunicazioni personali, ma deve custodirlo adeguatamente in modo che nessuno ne possa fare un uso inappropriato.

Ancora più responsabile dev'essere un'educatrice che dovrebbe dare ai giovani l'esempio di uso diligente e accorto e di rispettare le regole della sicurezza informatica.

Sondaggio
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre. Quale di queste affermazioni ti senti di condividere maggiormente?
Le donne spesso sono additate come più pettegole degli uomini e ritenute meno simpatiche.
Le donne hanno più difficoltà degli uomini a ricevere il giusto credito quando partecipano a progetti di gruppo.
Le donne sono giudicate più severamente degli uomini per il loro aspetto.
Le donne in genere ricevono delle proposte economiche più basse degli uomini, a parità di posizione.
Le donne sono ritenute non qualificate fino a quando non hanno dato prova di esserlo, agli uomini accade meno spesso.
Le donne vengono promosse in base ai risultati, gli uomini (anche) in base al potenziale.
Le donne spesso non vengono invitate tanto quanto gli uomini a eventi di socializzazione come le uscite al pub o a vedere le partite.

Mostra i risultati (1104 voti)
Leggi i commenti (9)

L'avvocato dell'insegnante ha contestato l'omessa custodia, sostenendo che l'insegnante aveva lasciato il telefonino a casa e quindi in un luogo sicuro, non in giro, a casaccio.

Gli verrà risposto, probabilmente, che l'insegnante avrebbe dovuto chiudere l'app di Facebook in modo che nessuno privo di credenziali potesse accedervi al suo profilo e bloccare lo smartphone.

Infatti se è vero che fra moglie e marito si può condividere il Pin dello smartphone come si fa con quello del bancomat, per esempio, le credenziali del profilo Facebook non dovrebbero essere comunicate mai a nessuno e tenute riservate.

Facebook stessa ha previsto una procedura per indicare un erede in caso di decesso per il proprio profilo, ma in vita le credenziali non dovrebbero mai essere comunicate a nessuno: bisognerebbe chiudere l'app quando si lascia lo smartphone (o tablet o Pc) non custodito.

Si potrà replicare che quasi nessuno per comodità lo fa oggi; ma è vero che la possibilità che qualcun altro lo usi al posto nostro e poi faccia dei pasticci esiste, con quello che poi ne consegue.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

@etabeta Beh intorbidendo le acque possono sempre sperare di farla franca entrambi. Ovvio che un avvocato del genere è decisamente sconsigliabile ma, forse, in Italia neppure troppo...
3-11-2019 18:27

Se tu la chiami furbizia... :roll: Il Prof. me lo dice sempre che il titolo non fa la differenza, se la materia di base è scarsa i risultati sono scarsi, :roll: Un avvocato del genere non avrà mai l'orrore di potermi annoverare tra i suoi clienti :P Leggi tutto
3-11-2019 18:19

@etabeta Personalmente resto della mia opinione, siccome doveva coprire la moglie si è autoaccusato nel modo più sveglio che conoscevano sia lui che l'avvocato, in ogni caso a dire che le avevano craccato lo smartphone sarebbe dovuta essere la moglie...
3-11-2019 16:29

Se fosse stato veramente furbo... avrebbe detto che gli avevano craccato lo smartphone. :D Vedi che era la uno? :wink: Leggi tutto
2-11-2019 22:56

@etabeta Non molto sveglio... o decisamente molto sveglio... personalmente propendo per la seconda.
2-11-2019 14:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro è un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4222 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics