Maze, il ransomware che si spaccia per l'Agenzia delle Entrate



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-11-2019]

maze malware agenzia entrate

Ricevere una comunicazione dall'Agenzia delle Entrate di solito già non fa molto piacere (perché generalmente c'è qualcosa da pagare), ma le cose peggiorano se quella che sembra un'email ufficiale è in realtà un ransomware.

Come segnala il CERT-PA si va infatti diffondendo in Italia il ransomware Maze che si presenta proprio cercando di riprodurre l'aspetto di una comunicazione ufficiale proveniente dall'Agenzia delle Entrate, copiando loghi e riferimenti.

Non solo: per cercare di sembrare più verosimile, il messaggio che distribuisce il malware si appoggia a tre domini, registrati lo scorso 25 ottobre, che a un occhio distratto potrebbero sembrare legittimi: si tratta di agenziaentrateinformazioni.icu, agenziaentrate.icu e agenziainformazioni.icu.

Come sempre capita in questi casi, il pericolo non sta nel messaggio in sé, che peraltro è scritto in un italiano corretto e non sgrammaticato come succede molto spesso, ma nell'allegato: un file di Word dal nome Verdi.doc che contiene una macro pericolosa, il cui compito è scaricare il ransomware vero e proprio.

A parte il millantato legame con l'Agenzia delle Entrate, Maze lavora come ogni altro ransomware: cripta il contenuto del disco rigido e richiede un pagamento in Bitcoin per fornire la chiave tramite la quale decifrare i file.

Per difendersi, gli utenti possono innanzitutto equipaggiarsi con un buon antivirus, quindi ricordarsi di effettuare tutti gli aggiornamenti del sistema operativo e di Flash Player.

Maze sfrutta infatti una vulnerabilità nel software di Adobe per poter eseguire le proprie funzioni.

È inoltre importante non eseguire mai le macro incluse nei documenti che provengono da Internet (non a caso Office ne disabilita l'esecuzione come impostazione predefinita) e, naturalmente, verificare che ogni email arrivi veramente dal mittente indicato: nel caso specifico, i domini usati non fanno capo all'Agenzia delle Entrate.

Al momento in cui scriviamo non esiste uno strumento di decrittazione elaborato dagli esperti di sicurezza: se si possiede un backup aggiornato dei propri dati si può evitare di sottostare al ricatto formattando il PC infetto e ripartendo dal backup stesso.

ransomware maze agenzia entrate

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Si ma 'sto fatto ch quando si parla di sle tiri sempre fuori Salvini e Renzi ... bhe! mi trova perfettamente daccordo :P Leggi tutto
11-11-2019 14:24

Premesso che non avere flash comunque un ottima cosa - io non lo uso pi da un paio d'anni e, praticamente, manco me ne sono accorto, a leggere qui[/url] non sembra proprio che flash player c'entri qualcosa in questo attacco ma sia solo la macro che viene attivata che scarica Maze. In altri... Leggi tutto
9-11-2019 18:39

Sempre meglio non averlo che averlo. Ad oggi credo serva di rado, nel web. Il pericolo in questo caso dato da una macro infetta in un documento MS Office. Se hai Libre Office, probabilmente non lo prendi. Se sei su Linux con Libre Office sicuro che non lo prendi. Leggi tutto
6-11-2019 15:30

Bisogna vedere se l'antivirus lo blocca, ad esempio il Defender. Se poi l'utonto clicca 'esegui lo stesso', non colpa dell'OS. Leggi tutto
6-11-2019 15:26

....Ed ridicolo che tanti utonti usino MS Office.
5-11-2019 23:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il governo vorrebbe eliminare la tassa di propriet travestita da canone, trasferendola sulla bolletta della luce. Sei d'accordo?
S
No
Non lo so

Mostra i risultati (2660 voti)
Novembre 2019
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Tutti gli Arretrati


web metrics