Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria

Aggira gli antivirus e agisce indisturbato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-12-2019]

snatch ransomware modalita provvisoria

Gli antivirus odierni cercano tutti di avere un approccio che amano definire proattivo all'apparizione delle varie minacce informatiche: non si limitano a rilevare gli eventuali problemi con una scansione, ma i loro componenti sorvegliano continuamente lo stato del PC.

Così, se vogliono sopravvivere e portare a termine il loro nefasto scopo di vita, i virus devono farsi furbi e comportarsi come fa per esempio Snatch, che usa una particolare caratteristica di Windows a proprio vantaggio.

Snatch è un ransomware che, quando riesce a conquistare un PC, non si mette immediatamente a cifrare i file. Si diffonde come molti suoi colleghi - per esempio mascherandosi da allegato innocuo - e, quando ha raggirato con successo l'utente di turno, come prima azione si registra quale servizio di sistema da eseguire anche in Modalità provvisoria.

È questa una speciale modalità di Windows in cui vengono caricati soltanto i servizi essenziali: viene generalmente adoperata quando ci sono dei problemi ostici che non si riesce a eliminare operando in modalità normale.

Il guaio è che gli antivirus non vengono considerati, di solito, come servizi essenziali o, quantomeno, non tanto essenziali da dover essere attivati anche in Modalità Provvisoria.

Snatch si registra quindi come servizio indispensabile, e poi riavvia il PC facendolo entrare proprio in Modalità Provvisoria: è solo a quel punto, mentre l'antivirus dorme beato e ignaro, inizia a cifrare i file, avendo cura anche di sottrarre i dati sensibili trovati sul computer.

Il comportamento di Snatch è una novità nel panorama del malware, e non va sottovalutato.

Commenta Andrew Brandt, di Sophos: «SophosLab ritiene che la gravità del rischio costituito dal ransomware che gira in Modalità Provvisoria non è per nulla ingigantito, e che è necessario rendere note queste informazioni come monito sia a quanti si occupano professionalmente di sicurezza sia agli utenti finali».

Se un lato positivo in questa vicenda c'è, esso sta nel fatto che gli autori di Snatch per ora non hanno preso di mira gli utenti domestici ma hanno agito soltanto verso bersagli mirati, grandi aziende ed enti governativi.

Chiaramente, però, se questa tecnica prenderà piede anche negli altri ransomware gli utenti - e ancor più i produttori di antivirus - dovranno sapervi far fronte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Lo scenario delle minacce informatiche del 2019
Il ransomware che si spaccia per il November Update di Windows
Maze, il ransomware che si spaccia per l'Agenzia delle Entrate
Programmatore vittima di ransomware viola il server degli hacker
Il ransomware che arriva via PEC
Autore di ransomware pentito rilascia le chiavi per decifrare i file

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Sì, concordo, incompetenti è sicuramente più adeguato. :wink:
22-12-2019 18:35

Hai ragione, il termine "cretini" non è appropriato e me ne scuso. Forse il termine giusto è incompetenti. Leggi tutto
22-12-2019 15:35

Non si tratta di cretini ma di persone che usano un PC pur avendo poca o nulla dimestichezza con gli aspetti basilari del funzionamento del SO e con la malizia dei criminali informatici, questo nella maggior parte dei casi, in altri casi di persone superficiali o poco attente (non so se per te sono questi ultimi i cretini? :wink: ). In... Leggi tutto
21-12-2019 14:28

Gladiator ha scritto: Io non penso che questo tipo di ransomware avrà molto successo, proprio perchè le "vittime" sono troppo poche. Un po come Linux, prende poche ( rare) infezioni, perchè ha utenze vicino a un prefisso telefonico. (forse qualcosa in più) Leggi tutto
19-12-2019 18:57

@R16 Concordo sul fatto che non è il comportamento del ransomware in questione - almeno non si parla nell'articolo di comportamenti di questo tipo - ma se, ipoteticamente, il creatore del ransomware facesse apparire una schermata blu tipo BSOD ben falsificata in cui si chiede di premere il tasto per riavviare il PC in modalità... Leggi tutto
16-12-2019 19:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1597 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 dicembre


web metrics