Antitrust, Facebook rischia una multa da 5 milioni

Per non aver ottemperato alle misure imposte nel 2018.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-01-2020]

facebook antitrust

Nel novembre del 2018 l'Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, meglio conosciuta come Antitrust) aveva multato Facebook per 5,6 milioni di euro.

Aveva infatti ritenuta scorretta una particolare pratica messa in atto dal social network, ossia la mancanza di un'adeguata informazione per gli utenti circa l'utilizzo dei loro dati a fini commerciali e delle «finalità remunerative del servizio», fatto invece passato per gratuito.

Insomma - diceva l'Antitrus - voi dite che Facebook è gratuito e lo sarà sempre, e in effetti non si paga nulla per iscriversi. Ma i dati che gli utenti forniscono vengono poi sfruttati a fini commerciali, e questo non è scritto da nessuna parte. Dovete avvisare quindi avvisare gli utenti in modo che sappiano bene in che mani si stanno mettendo.

Nel dettaglio, l'Autorità pretendeva che Facebook pubblicasse nella propria homepage, nell'app e nella pagina principale di ogni utente una rettifica in cui spiegava quanto sopra.

Se nei mesi trascorsi da allora non avete visto alcuna traccia di quella rettifica, sappiate che siete in buona compagnia: non l'ha vista nemmeno l'Antitrust, che a questo punto s'è spazientita.

Così ora ha avviato un procedimento di inottemperanza nei confronti del social network, nella speranza che questi la smetta di fare orecchie da mercante e si decida a far apparire il messaggio informativo richiesto a suo tempo. In caso contrario, l'Agcm minaccia di irrogare una nuova sanzione da 5 milioni di euro.

Come andrà a finire? Se il passato è un buon punto di partenza per formulare un'ipotesi, Facebook continuerà a fare finta di niente: dopotutto, 5 milioni di euro non sono praticamente niente per le casse del social network più frequentato del mondo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Se intanto cominciassimo a non iscriverci a Facebook, Twitter, YouToube ecc e tutte le volte che ci fanno una porcata, come è capitato a me con Vodafone, lo comunicassimo e cambiassimo operatore forse sarebbe già un piccolo passo avanti senza dover, come sempre, chiedere l'intervento dell'autorità suprema che nulla fa e farà poiché... Leggi tutto
22-3-2020 16:41

La realtà è che è molto comprensibile... purtroppo. Leggi tutto
22-3-2020 16:38

{Renato}
Mi sta bene la multa a Facebook per non aver dichiarato tutto ciò. Ma a noi... visto che Facebook usa i NOSTRI di dati... a noi dico... perché non tocca nulla come danno? Cioè dobbiamo sempre subire tutto, pubblicità invasiva, mail da tutte le parti di qualunque schifezza, abbonamenti mai richiesti, ecc... ma... Leggi tutto
28-1-2020 18:39

E' proprio incomprensibile perché le multe comminate dall'AGCM siano tanto basse rispetto al guadagno che il multato ha avuto dall'inosservanza delle regole. O forse è molto molto comprensibile. "A pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca".
27-1-2020 13:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (5687 voti)
Aprile 2020
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Tutti gli Arretrati


web metrics