SETI@Home chiude i battenti

Ma la ricerca di intelligenze extraterrestri continua.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2020]

seti home chiude

È stato uno dei più famosi esempi di crowdsurcing, consentendo a chiunque di cedere parte della potenza di calcolo del proprio Pc per portare avanti uno scopo preciso: nel caso specifico, la ricerca di intelligenze aliene.

Ora, però, il progetto Seti@Home si prende una pausa indefinita: a partire dal prossimo 31 marzo - come annunciato su Twitter - «il progetto cesserà di inviare ulteriore lavoro agli utenti».

SETI@Home è nato il 17 maggio 1999 a Berkeley: adoperava Boinc, la piattaforma di calcolo distribuito dell'università, per consentire a tutti gli aderenti di partecipare alla ricerca, contribuendo così al più vasto progetto Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence).

Ogni volta che uno dei partecipanti a Seti@Home lascia il proprio computer acceso ma inattivo e connesso a Internet, le risorse della macchina vengono adoperate per eseguire dei compiti assegnati dal Progetto Seti: in questo modo, tutti i vari utenti domestici che partecipano finiscono per dare vita a un grande supercomputer distribuito, connesso tramite la Rete.

La cessazione di questa attività (che viene tuttavia considerata più che altro una «ibernazione» è dovuta al fatto che dal 1999 a oggi sono state elaborate moltissime informazioni, ed è giunto il momento di vagliarle attentamente per cercare di trarre delle conclusioni.

«Abbiamo bisogno di completare l'analisi a posteriori dei risultati che già abbiamo» e poi pubblicare il distillato di tutto il lavoro «in un articolo per una pubblicazione scientifica».

Anche se Seti@Home era probabilmente la più famosa iniziativa di questo tipo, nel corso degli anni altri progetti che sfruttano la medesima piattaforma sono ancora attivi.

Alcuni di essi riguardano anche problemi - per così dire - di attualità: è il caso di Folding@Home, che svolge ricerche sulle malattie e di recente ha iniziato a occuparsi della Covid-19.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
uTorrent mina Bitcoin senza il consenso dell'utente
Perde il lavoro per aver installato Seti@home
Ricerca scientifica sul Pc di casa

Commenti all'articolo (1)

Speriamo si tratti veramente solo di una pausa per consolidare i dati e trarre conclusioni anche se tale attività veniva comunque fatta in parallelo al lavoro di elaborazione.
10-4-2020 16:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (356 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics