Software libero per cambiare il mondo

I principi del Software Libero come fondamento di un mondo basato non sull'accumulazione, ma sulla condivisione. Quattro chiacchere con Stefano Barale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2004]

Progetto grafico di Michele Bottari

Che collegamento c'è tra "altro software" ed "altra economia"? L'uso di software libero può spianare la strada al cambiamento in meglio del mondo che ci circonda? Leggendo il libro "Come passare al software libero e vivere felici", che ha suscitato molto interesse anche tra i lettori di Zeus News, si trovano riflessioni che aiutano a rispondere a queste e ad altre domande. Per approfondire alcuni temi, Zeus News ha rivolto alcune domande all'autore Stefano Barale.

ZN: Molti lettori ci domandano se il Free Software funziona come modello economico. Un esempio concreto: come si guadagna la pagnotta Stefano Barale?

Stefano: "Come la maggioranza degli informatici ovvero facendosi pagare non per le licenze, ma per i servizi che sono in grado di offrire. Per fare un esempio pratico: il libro che ho scritto è stato rilasciato con una licenza completamente libera (FDL), ma in questo periodo sto cominciando a tenere dei corsi sugli stessi argomenti del libro (maggiori informazioni sono reperibili al mio sito) che dovrebbero finanziare il lavoro che servirà per la prossima edizione del libro, in uscita tra marzo e aprile."

ZN: EUCD, libertà di espressione, G8 di Genova, diritti digitali, consumo critico. Il tuo libro, che ufficialmente parla di Software Libero, affronta questi ed altri argomenti scottanti. È possibile parlare di software libero senza parlare di politica?

Stefano: "Dipende in che senso intendiamo la parola "politica". Certamente si può parlare di software libero senza parlare delle noiose scaramucce tra i partiti, ma quasi inevitabilmente si finisce per parlare di "gestione della polis", delle risorse comuni, delle prospettive che abbiamo come umanità. E penso che questo sia un bene."

ZN: L'obiezione che molti lettori fanno al mondo dell'hacktivismo è, più o meno: a che serve protestare? Azioni come proteste, appelli, boicottaggi, tam tam mediatici, non sono che gocce in oceani di indifferenza, tanto tutto resta sempre come prima?

Stefano: "Ci sono degli interessanti studi che mostrano come l'obiettivo primario di tutti i sistemi dittatoriali è quello di instillare una simile convinzione nei cittadini. Una persona che ha perso la speranza è una persona facile da controllare. Detto questo confesso che comincio ad essere d'accordo sul fatto che le proteste, gli appelli e i boicottaggi forse non sono la maniera migliore di affrontare i problemi, per almeno due ottimi motivi: prima di tutto partono dal presupposto che esistano i "buoni" (quelli che fanno attivismo) e i "cattivi" (i potenti) e successivamente cercano di mettere tutte le energie nel contrastare l'azione dei potenti. Ogni giorno che passa mi convinco che sia molto più utile inventare azioni e realtà alternative piuttosto che contrastare quelle di chicchessia. Se non altro perché è un modo di gran lunga più divertente per passare il tempo!"

ZN: Potresti fare qualche esempio?

Stefano: "Sviluppare, diffondere ed usare Software Libero, ma non solo. Proverò a fare un esempio pratico: prendiamo i CD audio: comprare solo quelli con il marchio "CD-ROM Digital Audio" ci mette al riparo dai CD copy protected, veri e propri prodotti menomati, che non funzionano su tutti i lettori. Ma abbiamo anche bisogno di fare un passo oltre, di proporre un modello di distribuzione della musica alternativo: è proprio questo che permettono le licenze studiate dai legali del progetto Creative Commons, che sono sempre più utilizzate su internet. Il succo della questione sta nel ragionare per pratiche e non per teorie, distillando maniere di vivere e lavorare (scambio, baratto, libera distribuzione, monete alternative) che funzionino, indipendentemente dalle convinzioni ideologiche di chi le pratica. Il ciclo virtuoso innescato da questa attitudine sta toccando anche attori industriali come mostra il sito Plaza Project. E siamo solo all'inizio..."

ZN: A volte la protesta assume caratteristiche "violente". Mi riferisco ad azioni tipo intrusioni, attacchi informatici, blocco dei server, etc. Non si rischia di creare un disagio superiore rispetto al problema che si vuole eliminare? Non si rischia di dividere in due il popolo di chi non ci sta?

Stefano: "Credo che la questione sia parecchio complessa. Non amo affatto la violenza, ma non sopporto nemmeno il moralismo. Condannare moralmente l'uso politico (o informatico) della violenza mi sembra esattamente come lagnarsi dell'esistenza del male: assolutamente inutile. La verità, secondo me, è che il motivo principale per cui dovremmo smettere di usare questi mezzi è che sono inefficaci: non ci permettono di raggiungere quanto ci siamo prefissi e perpetuano il senso d'impotenza che ci ha spinto a utilizzarli. Tutte le altre argomentazioni, al confronto, le trovo deboli."

ZN: E veniamo ad un'obiezione "da sinistra"? La GPL, e tutto il mondo del Free Software che su di essa si fonda, ha un forte connotato economico, tanto che sono in molti a considerarla un modello economico vincente. Tutta questa disponibilità a confrontarsi con il mercato, non rischia di far perdere ai suoi adepti le motivazioni etiche, come la solidarietà, la giustizia, la pace, la condivisione, che fanno parte del suo DNA?

Stefano: "Sono convinto che sia solo una cosa positiva. Il problema non è scambiarsi beni in cambio di altri, ma semmai la maniera in cui lo facciamo. Quella inventata da Stallman con il software libero è estremamente efficace. Un giorno riusciremo ad avere un sistema di scambio di beni e valori altrettanto efficiente ...e a costruire motori a curvatura :)"

ZN: Per concludere, l'hacker è solo il superfigo del computer, o è anche un atteggiamento culturale? C'è qualche possibilità per noi (e siamo tanti) che facciamo a pugni con la tastiera, di dare un contributo al movimento del Free Software?

Stefano: "Certamente sì: l'hacking è un'attitudine! Aggiungerei anche un'attitudine sana e vitale: i bambini sono tutti hacker."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

.Claudio BOTTARI.
Anche i leghisti hanno a cuore il sw libero. Ho depositato una proposta di legge. Cordiali saluti. Claudio BOTTARI PDL 39 - NORMA IN MATERIA DI PLURALISMO INFORMATICO E ADOZIONE DI FORMATI APERTI E STANDARD PER DOCUMENTI DIGITALI NELLA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE DELLA LOMBARDIA Leggi tutto
11-8-2010 14:24

Faber.
Non posso che essere d'accordo con chi critica l'accostamento fra il Comunismo e Richard Stallman; ha più volte affermato, durante le interviste, che il movimento GNU non ha nulla che fare con correnti politiche. Quella bandiera, anche se realizzata con scopo ironico, non fa altro che dare un'accostamento sbagliato e senza alcun... Leggi tutto
29-1-2004 01:24

Pincopallino.
Citazione apparsa nel "Corriere della Sera", più di una volta. Se fai un ricerca negli archivi dovresti trovarla.
28-1-2004 17:16

Roberto
Concetto di "sinistra"..... Leggi tutto
28-1-2004 13:10

Pincopallino
Citazione del "Che" Leggi tutto
27-1-2004 12:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra questi due candidati assumeresti?
Il primo ha più esperienza e competenze specifiche.
Il secondo è particolarmente brillante e ha un grande potenziale.

Mostra i risultati (957 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics