Se Immuni ti premia... con il test sierologico

Cassandra Crossing/ Come trasformare timori e diffidenza nella spinta a fare la cosa giusta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-06-2020]

sierologici

Una cosa senz'altro positiva va già riconosciuta a Immuni, alla sua storia e alla sua narrazione; aver suscitato un dibattito sulla privacy e sulle conseguenze della sua limitazione, e averlo fatto in più parti della società civile, spesso non familiari con l'argomento, con un'intensità mai vista prima in Italia.

E Cassandra condivide l'opinione di altri, in primis di Matteo Flora, che dal punto di vista realizzativo Immuni spicchi nel panorama dell'informatica pubblica italiana come una supernova sulla radiazione termica di fondo.

Tutto il lavoro fatto per realizzare Immuni, anche quello di voci fortemente critiche come Cassandra, è per un fine condiviso e positivo, ed è costato molto tempo di persone in gamba, nonché molti soldi dei contribuenti.

A giorni partirà una campagna di comunicazione, che durerà quattro mesi, al fine di stimolare l'accettazione e l'installazione di Immuni, con l'obbiettivo di poter attivare l'app in autunno quando, secondo molti addetti ai lavori, potremmo avere una seconda ondata della pandemia.

Purtroppo, per come Immuni è strutturata adesso, si chiede a chiunque possieda uno smartphone sufficientemente moderno, di installare su di esso un oracolo (è un termine informatico, non profetico) che in un prossimo futuro potrebbe terremotargli la vita con una schermata che, per quanto graficamente curata, sarà terrorizzante, e le cui conseguenze continuano a non essere chiarite con certezza.

Infatti in Italia non esiste un sistema di contact tracing che realizzi completamente le tre T (Testing, Tracing e Treating), e con il sistema sanitario a base regionale è impossibile che un tale sistema sia pronto tra pochi mesi.

Quindi Immuni appare destinata all'irrilevanza per una o più di queste tre ragioni: tasso di adozione insufficiente, problemi di infrastruttura o affidabilità (violazioni di sicurezza, falsi positivi), assenza di un sistema di contact tracing nazionale che la utilizzi efficacemente.

Ma c'è una possibilità semplice per rendere comunque utile l'app anche in presenza di questi ostacoli; un sistema che non richiede nessun cambiamento a quanto realizzato finora, e che permette di limitare facilmente i danni dovuti a un eventuale eccesso di falsi positivi.

Si tratta di trasformarla in un app che, in caso di necessità, ti premia garantendoti l'accesso immediato e prioritario a un tampone o a un test sierologico. Solo questo, senza ulteriori automatismi.

Test che, per aumentarne ancora l'accettazione, potrebbe essere eseguito, a richiesta, con lo stesso livello di riservatezza attualmente utilizzato per i test sull'Hiv.

Lo spaventato utente di Immuni si presenterebbe così presso uno struttura sanitaria con il cellulare che funge da certificazione, e riceverebbe immediatamente quello che desidera, e che è utile per la società, in maniera efficacemente selezionata (si spera) dall'app.

In questo modo Immuni potrà solo essere utile, ma non fare danni. Trasformerà il timore di avere la vita sconvolta e il desiderio insoddisfatto di un tampone o di un test sierologico, in una forte spinta a fare la cosa giusta.

Un volontariato autentico senza misure autoritarie, e con la migliore mitigazione possibile dei rischi per la privacy. L'esatto opposto delle misure autoritarie e centralizzate caldeggiate ancora oggi da alcuni stati europei e da alcune Regioni italiane. Potrebbe funzionare davvero.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
No, non serve il 60% per rendere utili le app anti-coronavirus
Hai installato Immuni?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 61)

Mai viste tante seghe in una sola discussione. Da perderci la testa fra tutti sti professori. Io ci ho capito poco. Molti di quelli che scrivono su questo tema mi sembrano tanti Djokovic oggi completamente sputtanato.
23-6-2020 23:02

c'è da dire che il senso dell'app è proprio quello di segnalare un potenziale contagio per evitare che si possa involontariamente diventare veicolo di infezione, oltre che per la salute personale quindi in effetti il problema è che uno si aspetta di venire testato in un tempo ragionevole (magari si può accettare di stare in quarantena... Leggi tutto
21-6-2020 16:11

@ok_cian Nessuno saprà che hai ricevuto una notifica di esposizione, poiché il riscontro dei codici avviene solo dentro la app Immuni e la notizia resta nel tuo cellulare. Quindi intanto puoi installare la app, e poi quando e se ti accadrà di vedere una notifica di esposizione potrai comportarti a tuo giudizio secondo la situazione... Leggi tutto
21-6-2020 15:02

In pratica alla prima volta che in un bar passi vicino ad un positivo, tu e tutta la tua famiglia vi ritrovate in quarantena finché non vengono a fare i tamponi. Tanto gli ospedali sono notoriamente pieni di tamponi e il personale sanitario non vede l'ora di andare nelle case per rischiare di trovarsi a sua volta in quarantena. Quindi... Leggi tutto
21-6-2020 12:50

Ho il portatarga ceco (che è uguale a quelli tedeschi) la striscia inferiore si rimuove e la targa si sfila. Più comodo e soprattutto reversibile rispetto alla verniciatura. :D Sono per la tutela della privacy. :P Leggi tutto
14-6-2020 17:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertà d'opinione ma c'è un limite a tutto.

Mostra i risultati (1389 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics