Un download di 5.44 gigabit al secondo

Questo nuovo primato polverizza quello di qualche mese fa riguardante la stessa mole di dati trasferiti dalla Svizzera alla California alla velocità di 2.38 gigabit al secondo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2004]

Due scienziati del Cern e del California Institute of Technology (CalTech) sono stati premiati, assieme ai propri team, per essere riusciti a toccare la velocità di connessione più alta nella storia della Rete: un terabyte di dati a 7.000 Km di distanza scaricati con una velocità media di 5.44 gigabit al secondo.

Considerando che un terabyte corrisponde a mille miliardi di byte, tutto ciò significa che è stata raggiunta una velocità 20.000 volte più grande di quella dell'Adsl.

In un futuro molto prossimo quindi potremo scaricare un dvd in soli 7 secondi! E non solo, il primo ottobre scorso i ricercatori del Cern e del CalTech sono riusciti a trasferire da Ginevra a Pasadena un terabyte di dati in meno di 30 minuti.

Il capo dei ricercatori del Cern, Oliver Martin, ha parlato a proposito di questo traguardo: "Il nostro obiettivo finale è abolire le distanze e così facendo favorire una collaborazione scientifica mondiale più efficiente".

E, continua ancora, l'altro scienziato premiato a Ginevra Harvey Newman, del CalTech: "Siamo arrivati al punto che due server posti l'uno di fianco all'altro hanno le stesse prestazioni di due server che si trovino a 10.000 Km di distanza".

Questo nuovo primato polverizza quindi quello di qualche mese fa riguardante la stessa mole di dati trasferiti dalla Svizzera alla California alla velocità di 2.38 gigabit al secondo.

A questo proposito Newman pronostica che Internet2, oggi applicata nell'ambito della sperimentazione scientifica, ben presto approderà nei nostri uffici e case: "Ci aspettiamo che sistemi in grado di toccare la velocità di 10 Gbps saranno molto diffusi in un futuro relativamente vicino".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Ale53.it
CHE WOW!!!!
2-2-2004 19:27

Samantha Fabbro
Sarà pure vero... Leggi tutto
30-1-2004 10:02

Lollor
mah Leggi tutto
29-1-2004 17:24

Gualtiero
Vicino quanto? Leggi tutto
29-1-2004 16:03

paolo
s*******a colossale Leggi tutto
29-1-2004 13:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2134 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics