Toshiba dice addio ai portatili

La divisione Dynabook passa nelle mani di Sharp.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-08-2020]

Toshiba vende portatili sharp
Il Toshiba T1100

Già lo scorso anno Toshiba aveva ceduto il grosso della propria divisione Pc (per la precisione l'80,1%) a Sharp (che da due anni fa parte del gruppo Foxconn), limitandosi a tenere per sé la produzione dei portatili, ribattezzando la divisione risultante Dynabook.

Ora anche quest'ultimo residuo passa di mano e finisce proprio a Sharp, che a giugno aveva deciso di esercitare il proprio diritto ad acquisire il restante 19,9%.

«Quale risultato di questo trasferimento, Dynabook è diventata una controllata di Sharp» ha dichiarato Toshiba nell'annuncio che pone fine alla sua avventura nel mondo dei computer dopo 35 anni.

Il primo laptop di Toshiba risale infatti al 1985: era il modello T1100, basato su un processore Intel 80C88, 256 Kbyte di Ram e schermo Lcd monocromatico capace di supportare la modalità grafica Cga 640x200.

I giorni di gloria di Toshiba in questo settore sono però ormai trascorsi da un po': se nel 2011 vendeva ancora 17,7 milioni di Pc l'anno, nel 2017 era già scesa a 1,4 milioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hard disk da 18TB a registrazione magnetica assistita da energia
In prova: Toshiba Satellite Click Mini L9W-B-102
Da Toshiba un Chromebook per tutte le tasche
Toshiba abbandona i netbook: il futuro è negli Ultrabook
Toshiba Portégé G810

Commenti all'articolo (2)

Un altro grande attore del settore PC passa definitivamente la mano, il mondo avanza inesorabile...
26-9-2020 14:41

{umby}
Ho avuto a che fare con due di queste "stufette": Torhiba T3100 Mitiche!
13-8-2020 19:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4092 voti)
Febbraio 2021
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Tutti gli Arretrati


web metrics