The Pirate Bay perde due domini

Piratebay.org è stato venduto all'asta per 50.000 dollari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2020]

pirate bay domini

Che sta succedendo a The Pirate Bay, probabilmente il più popolare sito di torrent al mondo?

Sin da quando è nato, ha sempre avuto tutta una serie di nomi a dominio a disposizione per riuscire a sfuggire ai molteplici tentativi di chiusura subiti nel corso degli anni: accanto all'indirizzo ufficiale thepiratebay.org ci sono infatti sempre state delle "variazioni sul tema" utilizzabili dagli utenti in caso di oscuramento.

Tutti questi domini, inizialmente di proprietà di uno dei co-fondatori di The Pirate Bay, Fredrik Neij, sono stati debitamente rinnovati periodicamente, almeno fino a oggi.

Alcuni di essi stanno infatti andando all'asta a causa del mancato rinnovo: si tratta di piratebay.org, già venduto per 50.000 dollari, e thepiratebay.com che, al momento in cui scriviamo, verrà presto messo all'asta.

È pur vero che entrambi questi nomi non sono mai assurti al rango di indirizzo principale di The Pirate Bay e, anzi, spesso sono stati configurati per fungere da semplici redirect a thepiratebay.org.

A quanto pare oggi però le esigenze sono cambiate e The Pirate Bay, che agisce anche da un sito .onion raggiungibile tramite Tor, forse non ha più bisogno di loro.

Se tutto ciò è importante è perché non sappiamo quali siano le intenzioni degli acquirenti di quei domini: potrebbero venire usati per scopi assolutamente legittimi, oppure potrebbero essere usati semplicemente per ospitare pubblicità da servire a chi vi capiti cercando The Pirate Bay.

O ancora, nel caso peggiore, potrebbero essere usati per operazioni poco chiare che mettano a rischio i Pc e i dati dei visitatori: chiunque usi abitualmente la Baia dei Pirati per cercare dei torrent, quindi, farà bene a stare attento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
L'app che permette di usare The Pirate Bay anche quando è offline
The Pirate Bay ricomincia a sfruttare i Pc degli utenti
The Pirate Bay fa mining di criptovalute con i Pc degli utenti
Fondatori di The Pirate Bay condannati per 405.000 euro

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (728 voti)
Ottobre 2020
Apple revoca i certificati, le stampanti HP non vanno più
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics