Nuova frode online sfrutta la funzione di richiesta denaro di PayPal

I popolari servizi bancari semplificano le richieste di denaro sia per gli utenti che per i truffatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-10-2020]

Paypal

Viene dal team di ricerca di Avast l'avviso di aver individuato un nuovo tentativo di spear phishing che, attraverso un'abile strategia di ingegneria sociale, sfrutta la funzione "Richiedi denaro" di PayPal, che rende possibile richiedere un pagamento cliccando semplicemente su un pulsante nella home page del proprio profilo.

Oltre a essere user-friendly, ciò che rende questa funzionalità ancora più conveniente nel bene e nel male è il fatto che i destinatari della richiesta non devono essere utenti PayPal per trasferire la somma ma basta avere una carta di credito valida e fondi sufficienti su di essa.

La truffa è stata scoperta grazie alla segnalazione di un utente esperto, che ha ricevuto un'e-mail sospetta presumibilmente inviata da PayPal, con una richiesta di denaro. A un esame più attento, è stato confermato che l'email era stata inviata legittimamente da PayPal e questo ha attirato l'interesse del team di ricercatori, che ha eseguito alcune verifiche scoprendo così la frode.

È importante sottolineare che PayPal non è l'unico servizio che si presta a questo tipo di manipolazione. Ad esempio, anche attraverso l'app Revolut è possibile richiedere denaro a una terza persona e anche in questo caso l'iter di richiesta è abbastanza simile, ma con una differenza significativa: Revolut non invierà alcun messaggio per conto del richiedente ma fornirà un link che il richiedente stesso dovrà gestire in prima persona, opzione leggermente migliore dal punto di vista della sicurezza.

Anche il servizio Venmo ha una funzione simile: gli utenti infatti non devono verificare la propria identità per poter richiedere denaro fino a 299 dollari e ciò potrebbe rendere più semplice per i truffatori nascondere la loro vera identità.

Come restare al sicuro nell'invio e richiesta di fondi a terze persone? La conclusione è semplice: non inviare denaro a nessuno a meno che tu non sia assolutamente sicuro dell'identità del destinatario e del motivo per cui hai ricevuto la richiesta. Eventuali pagamenti dovuti possono essere verificati con la parte in questione utilizzando un altro canale di comunicazione, come per esempio il telefono.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Beh, ricevere una richiesta di denaro totalmente inaspettata da uno sconosciuto non mi sembra proprio una gran "tecnica di persuasione" e pagare direi che è un pochino di più che ingenuità. E se, invece, apparentemente la richiesta arriva da un conoscente - più tipico del tentativo di pishing - pagare senza nemmeno accertarsi... Leggi tutto
12-12-2020 18:40

Hmmm... :-k non banalizzerei troppo. Non è spiegato bene nell'articolo ma "ingegneria sociale" significa tecniche di persuasione che a chi non è del "mestiere" non verrebbero mai in mente. Poi è evidente che per cascarci occorre una certa dose di ingenuità che evidentemente nell'umanità abbonda altrimenti non... Leggi tutto
28-10-2020 19:12

Quindi, mi state dicendo che c'è gente che riceve una mail (o messaggio) in cui qualcuno ti chiede soldi e questi senza pensarci un minuto cliccano e mandano i soldi? Senza sapere a chi e perchè? Allora ho sbagliato tutto nella mia vita!
28-10-2020 08:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3599 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics