La criptovaluta di Facebook cambia

Libra si trasforma e diventa Diem.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-12-2020]

facebook libra diem

Era partita con grandi speranze e sostenitori importanti Libra, la criptovaluta di Facebook. Poi però le cose sono cambiate.

Le difficoltà sollevate in Europa portarono alla fuga di molti sostenitori, facendo apparire il dubbio che il destino di Libra fosse ormai segnato.

Facebook non ha però mai smesso di credere nel progetto, pur dovendolo ridimensionare, e ancora progetta un debutto sul mercato che potrebbe avvenire il prossimo gennaio in una versione riveduta e corretta per non incappare nelle ire delle varie autorità di controllo.

A tal punto il progetto Libra è stato snaturato che ha cambiato nome: d'ora innanzi si chiamerà Diem, e la valuta Diem Dollar.

Ugualmente, la Libra Association è diventata la Diem Association: la variazione serve anche per sottolineare come Diem Dollar sia un progetto molto diverso da Libra e, pertanto, più distante da Facebook. Proprio la vicinanza al social network era infatti uno dei punti su cui si sono concentrate le resistenze iniziali.

Per offrire ulteriori rassicurazioni, la Diem Association spiega che Diem Dollar sarà «un complemento, e non un sostituto, delle valute nazionali» e che, almeno inizialmente, sarà legato al dollaro statunitense in rapporto 1:1.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Gli hanno dato una ripitturata e un nuovo nome ma sono certo che nella sostanza non cambia nulla, sarebbe veramente ora che queste mosse da parte di FB e di altri soggetti analoghi venissero scoraggiate in modo definitivo e maggiormente incisivo.
27-12-2020 15:27

{pipiez}
Chiacchiere di marketing. Anche senza le carpe, la puzza di pesce marcio si sente molto lontano. Zuck si vede imperatore del mondo, e se non fosse per i vari "scandali", sarebbe già al primo passo come presidente degli USA.
3-12-2020 19:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1948 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics