Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web

Cover Your Tracks mostra se davvero il browser protegga la privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2020]

cover your tracks tracking online

Si parla spesso di come le tracce che lasciamo nei siti navigando nel web possano essere utilizzate per creare un nostro profilo da sfruttare per finalità pubblicitarie o ad altri scopi ancora meno rispettosi della privacy.

I vari browser in circolazione affermano di offrire diverse funzioni per evitare che ciò succeda, ma la maggior parte degli utenti non sa come fare per verificare se ciò sia vero o se si tratti invece soltanto di puro marketing.

Esiste però un sito che si offre di fare questi controlli per noi e al quale ci si può affidare senza patemi, dato che è una creazione della Electronic Frontier Foundation.

Il sito in questione si chiama Cover Your Tracks e, sebbene sia disponibile soltanto in inglese, funziona in maniera molto semplice.

Nella pagina principale offre un pulsante con la dicitura Test Your Browser. Premendolo, vengono effettuati alcuni test per verificare quali informazioni esponga il browser usato per accedere al sito.

Alla fine dei test, infatti, viene presentata una schermata di riepilogo che non soltanto indica quali delle quattro funzioni principali di protezione sono attive - blocco delle pubblicità traccianti, blocco dei tracker invisibili, sblocco dei componenti di terze parti che rispettano la direttiva Do Not Track e protezione dall'identificazione univoca - ma mostra anche le informazioni dettagliate che vengono esposte dal browser ogni volta che si visita un sito web.

In base a questi risultati diventa possibile agire in maniera più precisa per coprire le proprie tracce nel web, e magari affidarsi all'estensione realizzata dalla EFF stessa, Privacy Badger. Oppure decidere di cambiare browser.

La EFF stessa ammette che Cover Your Tracks non rileva proprio tutte le tecniche che i siti possono mettere in atto per creare un profilo univoco dei visitatori, ma è pur sempre un punto di partenza utile per quanti sono preoccupati della propria riservatezza.

cover tracks

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
e-privacy: lasciateci la faccia
Data Privacy Day: 5 consigli per gestire e proteggere i dati
Anon+, il social network di Anonymous
Attacco hacker alle università? Una banda di mocciosi
L'hacker al volante
Gli hacker ti invitano in palestra
Furto virtuale ma l' indagine è reale
Cerchi il Vaticano e trovi un pedofilo
The Pirate Bay, i pirati piratati
Hacker a corto di idee?
L'hacker della porta accanto
Cracca al Tesoro, edizione milanese

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Se Ŕ per quello non solo a fessbuk si pu˛ chiedere... Questo tipo di servizio Ŕ ovviamente scarsamente utile ai boccaloni di fessbuk e compagnia ma Ŕ utile per coloro che fanno di tutto per mantenere un minimo di privacy, consapevolmente, navigando in internet.
7-2-2021 11:16

{aldo}
quanto impegno per calcolare dei bit... che poi basta chiedere a facebook e sai pure nome e cognome
7-2-2021 04:49

Provato il sito: la verifica avviene molto velocemente ed i risultati sono presentati in modo chiaro e sono presenti anche eventuali suggerimenti per risolvere gli aspetti che vengono rilevati critici. Una proposta interessante da parte di EFF.
5-1-2021 11:17

Se utilizzi Chrome come browser puoi utilizzare l'opzione traduci in italiano che Ŕ disponibile cliccando con il tasto destro del mouse sulla pagina e che traduce in italiano la pagina stessa mantenendo il suo aspetto originale. Altrimenti puoi usare un'estensione del browser per tradurre il testo che ti interessa, io uso questa basata... Leggi tutto
5-1-2021 11:12

@claudio, santa pace, che browser usi? Non Ŕ obbligatorio ma chi Ŕ qui di solito Ŕ giÓ un minimo addentro alla tecnologia e ad internet Davvero non sai che usando per esempio Chrome come browser (sai cos'Ŕ un browser?) c'Ŕ la possibilitÓ tramite Google di avere tradotti instantaneamente tutti i siti in italiano? ... Leggi tutto
4-1-2021 14:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi scaricare la canzone 'Yesterday' dei Beatles; esistono varie opzioni su Internet. Quale file scarichi tra i seguenti?
Yesterday-Beatles-Song.scr
Beatles_All_songs.zip
Beatles_Yesterday.mp3.exe
Betles-Yesturday.wma

Mostra i risultati (1510 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics